Alimentazione: sette prodotti che non sapevi facessero ingrassare

Nella dieta bisogna prestare attenzione ai cosiddetti "falsi amici", i cibi che sembrano light ma che in realtà non fanno dimagrire

Quella per la linea, anche nella nostra città, è per molti una vera e propria ossessione. Alcuni alimenti, non a caso, vengono consumati con moderazione ed attenzione, visto il loro contributo svolto nel prendere peso: si pensi, ad esempio, a fritti, gelati o dolci. Vi sono però anche altri cibi che fanno ingrassare, malgrado molti non ne siano a conoscenza. Questi vengono definiti come "falsi amici" della dieta, in quanto, a causa di determinati fattori, ingannano il consumatore.

Ecco quindi una rassegna degli alimenti che favoriscono l'aumento di peso, imparando così a distinguere tra cibi sani e meno sani.

I falsi amici della dieta

  • Succhi di frutta. Contengono moltissimi zuccheri e, spesso, pochissima frutta. Se proprio non riuscite a farne a meno, scegliete prodotti che non contengano edulcoranti e che non siano ottenuti da concentrato (che ha il doppio delle calorie del frutto non trattato). In alternativa, potete provare a farli in casa senza aggiungere zucchero: otterrete così un prodotto più economico, più saporito e più sano.
  • Cereali e barrette. Il binomio yogurt-cereali potrebbe sembrare l'opzione più sana e leggera per la colazione, ma in realtà i cereali, essendo ricchi di zuccheri, grassi idrogenati, grassi vegetali di scarsa qualità e conservanti, fanno ingrassare. Per un'alternativa salutare e home made, provate questa ricetta: mescolate insieme 100 gr di avena, una manciata di riso soffiato, un po' di frutta secca mista tagliata a pezzi, 3 cucchiai di miele e 2 cucchiai di olio di semi di girasole. Spargete il composto su una teglia e infornate a 180° per una mezz'ora, mescolando il musli dopo 15 minuti.
  • Soia. Spesso non è biologica, poiché contiene OGM ed estrogeni responsabili di squilibri ormonali che fanno ingrassare. È meglio evitare anche lo yogurt di soia, in quanto ricco di zuccheri aggiunti. 
  • Frullati. Bere uno smoothie equivale a mangiare quattro o cinque porzioni di frutta con i rispettivi zuccheri, che alzano il carico glicemico.
  • Gomme e caramelle senza zucchero. Le caramelle senza zucchero sono un concentrato di dolcificanti artificiali ed edulcoranti, che risultano essere tossici nel lungo periodo.
  • Frutta candita e disidratata. A differenza della frutta secca, alimento ottimo e super energetico, la frutta disidratata, come anche quella candita, è dannosa per la linea. Il processo di essiccazione a cui è sottoposta può infatti far aumentare la quantità di zuccheri fino a tre volte, mentre la frutta candita ha una quantità elevatissima di zuccheri e oli. Meglio quindi prediligere frutta fresca e secca.
  • Cibi light e senza grassi. Per compensare la minor quantità di grassi e dare sapore, le industrie alimentari aggiungono zuccheri, sale e additivi a questi alimenti. Secondo uno studio condotto nel Regno Unito, il 10% dei cibi dietetici contiene le stesse calorie o addirittura di più di quelli normali e il 40% ha più zuccheri.

Nutrizionisti a Livorno

A Livorno sono presenti molti professionisti specializzati nella dieta e nell'alimentazione. Eccone alcuni le cui attività sono state recensite dagli utenti su Google:

Nutrizionista Livorno - Dott. Mattia Di Marco, Via dei Pelaghi, 13, Livorno

Nutrizionista Dott.ssa Gilardi Sara, Scali Manzoni, 33 Livorno

Nutrizionista Dott.ssa Pala Silvia, Via Marradi, 175, Palazzo Valerio, Livorno

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cake Star a Livorno, i nomi delle tre pasticcerie in gara

  • Contromano sulla Variante, muore a 21 anni nello scontro frontale con un'auto

  • Cake Star, Chef Carrara a Livorno per trovare la migliore pasticceria

  • Calcio in lutto per la morte di Nicola Fiorenzani, giovane attaccante dell'Acciaiolo

  • Perde il controllo dello scooter e finisce fuori strada: 24enne in coma

  • Ascoli-Livorno, la denuncia dei tifosi amaranto: "Lasciati senza acqua sotto il sole, come le bestie"

Torna su
LivornoToday è in caricamento