Arresti domiciliari inadeguati, i carabinieri lo conducono in carcere

I militari dell'arma hanno ritenuto incongrua la misura cautelare emessa nei confronti di un 38enne accusato di vari furti nelle abitazioni

Nel pomeriggio del 13 agosto, i carabinieri di Livorno hanno condotto in carcere un 38enne cittadino serbo, già agli arresti domiciliari, su disposizione della Corte d'Appello di Firenze. L'uomo era già finito in manette nel novembre del 2018 in quanto aveva violato l'espulsione dal territorio nazionale con divieto di fare rientro in Italia per 10 anni. Il provvedimento era il frutto di una sentenza seguita a seguito di una serie di furti in abitazione che erano stati attribuiti al malvivente negli anni. Sono stati i militari dell'Arma a ravvisare e segnalare all'autorità giudiziaria l'inadeguatezza degli arresti domiciliari per il 38enne che, dopo le formalità di rito, è stato accompagnato alle Sughere. 

Potrebbe interessarti

  • Notte di San Lorenzo: dove vedere le stelle cadenti a Livorno

  • Ferragosto e la battaglia dei gavettoni: tra divertimento e...risse

  • Ferragosto, i luoghi più amati dai livornesi per la tradizionale "spiaggiata"

  • Come combattere il caldo in macchina: trucchi e consigli

I più letti della settimana

  • Maxi incidente sull'Aurelia: 3 auto coinvolte e numerosi feriti

  • Ferragosto 2019, cosa fare a Livorno e dintorni: gli eventi in programma

  • Coppa Italia 2019/2020, secondo turno: Livorno-Carpi in diretta. Live

  • Chiuso ristorante al Calambrone: scarse condizioni igieniche e pesce non tracciato: multato il proprietario

  • Maxi lite nell'area sosta camper: in via Mondolfi arriva anche l'esercito

  • Anziano picchiato, spogliato e rapinato: 88enne in ospedale, si cercano due persone

Torna su
LivornoToday è in caricamento