Chiama il 113 per offendere le forze dell'ordine, poi aggredisce i poliziotti: arrestato livornese

L'uomo, in evidente stato di alterazione alcolica, ha più volte telefonato alla polizia accusandola di avergli rubato l'auto. Successivamente si è scagliato contro gli agenti che lo hanno ammanettato

Un cittadino livornese di 27 anni è stato arrestato, alle 6 del mattino del 24 agosto in piazza dei Domenicani, con l'accusa di resistenza, violenza, minacce, lesioni aggravete e denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale e ubriachezza molesta. L'uomo, durante la notte, si era reso protagonista di numerose chiamate al 113 durante le quali non ha risparmiato gli agenti da numerosi insulti accusandoli perfino di avergli rubato l'auto. 

Vista l'insistenza con la quale il 27enne telefonava, le volanti dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della polizia di Stato, diretto dal commissario capo Claudio Cappelli, dopo aver geolocalizzato il cellulare dal quale partivano le chiamate, si sono recate in Venezia per cercare di far ragionare l'uomo. Che, al contrario, si è scagliato contro gli agenti che, a quel punto, non hanno potuto far altro che ammanettarlo dopo una breve colluttazione. Dopo la convalida dell'arresto, per l'uomo è scattato l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rosignano sotto osservazione famiglia di Casalpusterlengo. Il sindaco: "Situazione tranquilla"

  • Tragedia in Messico, livornese muore a 33 anni folgorato da una scarica elettrica mentre pesca

  • Isola d'Elba, perde il controllo dell'auto e si ribalta: feriti madre e figlio

  • Badanti non dichiarano il reddito: scoperta evasione fiscale di 300mila euro

  • Madre e figlia investite da auto pirata, il conducente si costituisce ai carabinieri

  • Minacciata con un coltello nel parcheggio del Parco Levante

Torna su
LivornoToday è in caricamento