Bobo Rondelli e Livorno ai tempi del Coronavirus: "È bellissima, ma mi mancano il mare e i miei figli"

Il cantautore livornese racconta la quarantena e si diverte con video social di vita casalinga: "Provo a tenere alto il morale, come Marylin e Frank Sinatra"

Il palcoscenico è il tetto del palazzo che si affaccia sul Pontino dove, al settimo piano, vive Bobo Rondelli. La band è quella storica del cantautore livornese. Il brano è "Madame Sitrì", canzone manifesto di una città malinconica e struggente, bella da togliere il fiato. Il pubblico? Tutta Livorno. L'idea di fare un regalo alla città in tempo di isolamento da coronavirus, incidendo una versione inedita di Madame Sitrì, ognuno a casa propria uniti solo da musica e parole, Bobo l'ha avuta guardando la sua città dall'alto. "Ero in terrazza sul tetto del palazzo, si sentiva bene il vento, ho messo il brano originale in cuffia e ci ho cantato sopra - racconta Bobo a LivornoToday -. Poi ho chiesto ai miei musicisti di fare altrettanto ed è nato il video".

Madame Sitrì... dal terrazzo di casa: il regalo di Bobo Rondelli alla città. Video

Bobo, come hai visto Livorno dal tuo terrazzo e che sensazioni ti ha trasmesso?
"Un cielo così non lo avevo visto mai, c'era un silenzio irreale, ho visto una città pulita e bellissima. Sarebbe bello che al termine di questo isolamento tutta questa bellezza rimanesse, che questo momento di difficoltà ci lasciasse anche qualcosa a livello umano, un po' di empatia, magari per i tanti che ogni giorno affrontano il mare su un barcone. Questa emergenza in confronto ad altre è una 'giacchettata' per la maggior parte di noi. Non lo è, certo, per i contagiati e neanche per i medici e gli infermieri in prima linea".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A proposito, l'anno scorso hai consegnato la tua "Livornina d'oro" al dottor Spartaco Sani, tuo grande amico che in questo momento è in prima linea al reparto malattie infettive.
"Io e lui abbiamo un legame molto stretto e solitamente gli mando messaggi anche divertenti, scherziamo molto. Ma adesso non ce la faccio, non ho il coraggio di chiamarlo per scherzare o fare battute. Gli mando solo un grande abbraccio a distanza, con le lacrime agli occhi. Meno male che a Livorno c'è lui".

Bobo Rondelli, in un libro la mia vita romanzo

Come trascorri il tempo in casa?
"Intanto sto dietro alla casa, prima vivevo un po' alla Bukowski tanto non c'ero mai, adesso provo a tenere più in ordine. Alla fine stare a casa non è così male. Faccio un sacco di video e dirette instagram, una sorta di rubrica dal titolo "E chi l'avrebbe mai detto" dove faccio cose assolutamente normali, come lavare i panni, cucinare, facendo ovviamente dei grandi casini. Provo a intrattenere e tenere alto il morale, alla maniera di Marilyn e Frank Sinatra, ma con lo spirito tutto livornese del mio proverbio preferito 'Alle brutte si more' ".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ridere, d'atronde, è una forma di terapia...
"In questo momento è l'unica cosa da fare, non sono d'accordo con quegli artisti che fanno le crociate perché siamo senza lavoro.  È vero, siamo tutti a casa con date e concerti saltati, ma questo è il momento di pensare soltanto a salvare le persone. Io, dal canto mio, se ho bisogno mi rivolgerò ai vicini, se ho fame chiederò da mangiare, non ci vedo niente di cui vergognarsi. L'unica manifestazione a cui ho aderito è quella per raccogliere fondi da destinare all'ospedale. Al resto, anche alla musica, penseremo dopo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sanremo, Bobo Rondelli incanta l'Ariston con "La musica è finita"

Quale sarà la prima cosa che farai al termine dell'isolamento?
"Un bagno in mare, anche se l'acqua è ghiaccia. Anzi, speriamo che sia ancora ghiaccia quando usciremo di casa. E poi andrò ad abbracciare i miei figli, li vedo tutti i giorni in videochiamata, studiano, stanno bene ma mi mancano e li vorrei abbracciare".

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Andrea Matteucci, arrestata la giovane alla guida dell'auto. La Municipale: "Accusata di omicidio stradale, positiva all'alcool test"

  • Tragedia in via dei Pensieri, scooterista di 17 anni muore dopo lo scontro con un'auto

  • Dramma a Collesalvetti: gravissima 30enne investita dal fratello dopo una lite, l'uomo inseguito e arrestato per tentato omicidio

  • Campiglia Marittima, uccide un gatto e lo cucina davanti alla stazione: il video virale indigna la rete, denunciato 21enne

  • Funerale Andrea Matteucci, San Jacopo gremita per l'ultimo abbraccio a "Gas"

  • Tragedia alla Leccia, muore a 39 anni dopo aver accusato un malore davanti alla famiglia

Torna su
LivornoToday è in caricamento