Caterina Zucchi, da Livorno alla Biennale turca con i suoi gioielli di vetro

L'artigiana ha ottenuto grazie alle sue opere il marchio Quality Made per la sostenibilità culturale, sociale e ambientale

Caterina Zucchi, artista del vetro, e il suo Studiozero-Vetro rompono i confini e volano alla Biennale Turca. L'artigiana livornese, che svolge questo lavoro da ormai 15 anni, grazie alla classe e all'eleganza che contraddistinguono i suoi gioielli, vere opere d'arte, ha appena ricevuto il marchio Quality Made per la sostenibilità culturale, sociale e ambientale, che valorizza la connotazione artigianale del "made in" e rende esplicito il concetto di qualità dell'offerta proposta.

Caterina Zucchi è rappresentante di una categoria rara. Artigiana del vetro, si è avvicinata a questo mondo frequentando per due anni una scuola legata al Fondo Sociale Europeo e dedicata alla lavorazione artistica di questo materiale a Bolzano. Poi la folgorazione con Murano e la tecnica del cannello, e l'incontro con un maestro capace di indirizzare un fiume in piena di passione, di cui diventa assistente. Qualche anno dopo, nel 2004, Caterina apre a Livorno, la sua città, lo Studiozero-vetro e da quel momento quella passione forte diventa un vero e proprio mestiere che la porterà spesso all'estero in Germania, Scozia, Giappone, Corea del Sud. Quest'anno arriva la grande occasione e l'invito forse più importante attraverso un contatto su Instagram, secondo una meritocrazia che l'Italia raramente vede e premia. E' quello della biennale di Denizli, in Turchia, uno degli eventi dedicati al vetro più importanti d'Europa. E Studiozero-vetro non è un semplice ospite, ma la professionalità e la creatività di Caterina vengono richieste per una dimostrazione pratica e una lezione teorica sull’arte del cannello di Murano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"È stata un'esperienza illuminante – commenta Caterina – che sicuramente spero di ripetere. Il confronto tra le culture, gli stili e le tecniche è stato davvero stimolante, con tante esperienze di cui farò tesoro per il mio lavoro futuro. Spero di tornarci, magari per insegnare, visto che ho ricevuto tante richieste: vedremo cosa riserverà il futuro. Io mi sento cittadina del mondo, recentemente ho donato un'opera al Liberty Musem di Philadelphia, mentre porto avanti la mia collaborazione con una galleria di Edimburgo, necessito di apertura mentale e scambi di stile". 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate 2020, slittano le riaperture dei bagni: "Troppe incognite, poco tempo per organizzarsi". A rischio la stagione ai Fiume

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

  • Violenta lite a colpi di bottiglie in piazza XX Settembre, all'arrivo della municipale un uomo si denuda: due feriti

Torna su
LivornoToday è in caricamento