Il miglior cioccolatino del mondo è di Paola Francesca Bertani: "Porto l'isola d'Elba nei miei dolci"

La Maestra de Le Magie di Portoferraio con le sue praline si è aggiudicata ben 5 premi in diverse categorie all'International Chocolate Award

Paola Francesca Bertani (ph. Roberto Ridi)

Cioccolato etico, rispetto per l'ambiente, una passione quasi maniacale per la qualità e grande attenzione ad ogni dettaglio. Sono questi i segreti che hanno portato Paola Francesca Bertani e le sue deliziose praline sul podio dell'International Chocolate Award lo scorso 18 novembre in Guatemala. La maestra cioccolatiera - titolare della pasticceria Le Magie di Portoferraio - si era già fatta conoscere lo scorso anno quando, tra oltre 10mila concorrenti, aveva portato a casa un argento con la pralina "Aleatica".

Quest'anno, forte di una ricerca ancora più approfondita sulle materie prime, ha iscritto al più importante concorso internazionale -  una sorta di premio Oscar del cioccolato - ben 5 praline portando a casa altrettamti premi: un oro con Aleatica (riconferma del premio 2018, nella categoria cioccolati misti, con la grappa di aleatico di Acquabona e la fragoline in permacultura dei Giardini di Poseidone), tre argenti (con Sìloso, pralina di cioccolati misti con aceto di aleatico e olio evo di Arrighi; con Dressing, sempre nella categoria cioccolati misti; con Elba Piura nella categoria Fondenti) e un bronzo con Piura Paolina, pralina realizzata con l'acqua della Fonte Napoleone.

pralina (ph. Roberto Ridi)-2

Paola Francesca Bertani: "Orgogliosa del risultato raggiunto"

Un podio che parla elbano: "La passione per il cioccolato mi accompagna da anni, ma solo da poco ho scoperto che, purtroppo, del vero cioccolato, quello autentico, ne sapevo poco e niente - racconta Paola Francesca raggiunta al telefono -.  Quando mi sono avvicinata al cioccolato etico, realizzato nel rispetto del territorio e delle persone che lo producono, mi si è aperto un mondo. E anche i miei cioccolatini sono decisamente migliorati". Sul gradino più alto del podio è salita la pralina Aleatica. "È un riconoscimento che mi riempie di orgoglio perché Aleatica è un prodotto a cui tengo tantissimo. Ci ho messo ben quattro anni per metterla a punto ed è un cioccolatino che racconta una storia d'amicizia perché la grappa e le fragoline di bosco che si trovano al suo interno sono prodotte qui all'Elba da miei amici".

"I miei cioccolatini sono un inno all'isola d'Elba"

Tutti i cioccolatini ideati e realizzati da Paola Francesca Bertani sono un inno alla sua isola, alle eccellenze del territorio prodotte a km 0 da amici e persone a lei vicine. "Al di là di tutti i premi, quello a cui tengo maggiormente è contribuire, col mio lavoro, a portare avanti una filosofia del cibo basata sui valori del passato, sul rispetto della stagionalità e dell'artigianalità delle materie prime. Dietro un cioccolatino c'è un mondo fatto di persone, lavoro duro e impegno. I prezzi del vero cioccolato di qualità, per forza di cose, sono alti e spesso scoraggiano i clienti, ma credetemi, è un altro mondo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ecco come sono riuscita a conquistare i giudici"

La giuria dell'International Chocolate Award ha premiato, tra migliaia, le praline elbane di Paola Francesca al termine di una lunga e complessa selezione "al buio" basata su parametri come la qualità del cioccolato e degli altri ingredienti utilizzati e la modalità di esecuzione, senza che gli assaggiatori, esperti provenienti da ogni parte del mondo, conoscessero l'identità dei pasticceri. Qual è il segreto per conquistare i giudici? "L'anno scorso, dopo la premiazione, un giudice mi confessò che la mia 'Aleatica' lo aveva lettermente commosso perché aveva riconosciuto il sapore delle fragoline che raccoglieva nel bosco da bambino e aveva fatto un viaggio nel tempo con un cioccolatino". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Livorno, morto il primo paziente risultato positivo al Covid-19: aveva 55 anni, era ricoverato da 25 giorni

  • Coronavirus Livorno, file ordinate ai supermercati e spesa a domicilio: ecco i negozi che consegnano a casa

  • Coronavirus, è morto Paolo D’Ercole: ex portiere di calcio e dipendente Aamps, aveva 69 anni

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi a Livorno, 224 in Toscana. Il bollettino di venerdì 27 marzo

  • Coronavirus, un morto a Cecina e 35 nuovi casi tra Livorno e provincia: il bollettino di lunedì 30 marzo

  • Coronavirus, tre morti e 16 nuovi positivi tra Livorno e provincia: il bollettino di domenica 29 marzo

Torna su
LivornoToday è in caricamento