Coronavirus Livorno, negativi i tamponi a Villa Serena e i test sierologici a I Girasoli

Buone notizie dalle residenze sanitarie. Raspanti: "I risultati sono il riflesso di una serie di misure applicate con tempestività e molta attenzione"

Il rischio, oltre alla preoccupazione per un eventuale contagio, era che alcuni ospiti della rsa Villa Serena, positivi ai testi sierologici, lo risultassero anche ai tamponi, e che dovessero essere trasferiti, così come da ordinanza regionale, in una struttura dedicata alle cure intermedie all'interno del presidio ospedaliero livornese.

E invece il timore di affollare l'ospedale livornese è stato scongiurato dal momento che, come comunicato dall'assessore al Sociale, Andrea Raspanti, nel consiglio comunale di martedì 14 aprile, i tamponi effettuati su 13 ospiti di Villa Serena hanno dato tutti esito negativo. Una bella notizia per gli ospiti e i loro parenti alla quale si aggiunge la negatività ai test sierologici effettuati su ospiti e personale della rsa I girasoli (98 in tutto, di cui 44 membri del personale).

Andrea Raspanti assessore al sociale  (4)-2Raspanti: "Bilancio soddisfacente che testimonia il buon lavoro svolto"

"Il bilancio nelle rsa comunali è molto soddisfacente - commenta l'assessore al Sociale Andrea Raspanti - . Se il secondo tampone di controllo sui 13 ospiti che erano risultati positivi al test sierologico dovesse avere, come probabile, esito negativo saremmo di fronte a 1 solo caso di Covid su 230 ospiti. Una prova del buon lavoro svolto, di concerto tra gli uffici comunali, i privati che hanno in appalto il servizio nelle due strutture e la Asl". Dopo gli esiti del primo screening sierologico era stato allestito, in appena 12 ore, un reparto Covid al piano terra di Villa Serena per evitare qualunque forma di contatto con gli ospiti negativi al test. Una risposta che l'assessore Raspanti ha definito molto tempestiva.

Coronavirus Livorno, negativi gli ospiti della rsa di Coteto

"Ringrazio i lavoratori delle nostre rsa e rivolgo un pensiero alle famiglie in ansia per i propri cari"

"Voglio ringraziare tutti i lavoratori e le lavoratrici delle nostre rsa per la professionalità e la dedizione dimostrata in questa circostanza come nelle settimane scorse, in una situazione anche normativamente sottoposta a continue evoluzioni e a fronte di difficoltà non banali - dice ancora Raspanti -. Un numero di positivi così basso è il riflesso di una serie di misure applicate con tempestività e molta attenzione. Rivolgo un pensiero anche ai familiari degli ospiti, perché capisco che star loro lontano, rinunciando alle visite, sia un sacrificio necessario ma anche doloroso. Li ringrazio per la pazienza. Penso che siano contenti di sapere che i loro cari sono in un ambiente sicuro e controllato".

Rsa "I Girasoli", test sierologici negativi per ospiti e personale

Ottime notizie anche dalla rsa "I Girasoli" di Livorno, gestita dal gruppo "Sereni Orizzonti". Nella giornata di martedì 14 aprile, il servizio igiene pubblica della Asl Toscana Nord Ovest ha finalmente potuto effettuare i test sierologici per Coronavirus sugli attuali 54 ospiti della struttura così come sui 44 membri del personale e i risultati, comunicati questa mattina, sono quelli che tutti si auguravano: nessun caso positivo.

Coronavirus Livorno: test sierologico su 400mila persone

"Seguendo le istruzioni impartite a livello nazionale dall'azienda e in largo anticipo rispetto alle disposizioni emanate dal governo e dall'amministrazione regionale - dicono dalla residenza sanitaria -, fin dallo scorso 3 marzo la rsa 'I Girasoli' ha impedito ogni ingresso ai parenti e ridotto al minimo essenziale il contatto con i fornitori delle derrate, garantendo loro accessi dedicati". "Infermieri, operatori socio-sanitari e addetti alle pulizie sono stati tempestivamente formati e informati sulle procedure di prevenzione da adottare - spiega il direttore della struttura, Kerala Valerio -. Abbiamo lavorato e continuiamo a lavorare dotati dei dispositivi di protezione individuale acquistati da Sereni Orizzonti (mascherine, guanti e camici monouso), sanifichiamo regolarmente gli ambienti interni, disinfettiamo i nostri cellulari ed evitiamo un uso promiscuo di materiale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Al tempo stesso - continua la dottoressa Valerio - continuiamo a prestare una particolare attenzione all'equilibrio emotivo e psicologico dei nostri assistiti. Si tratta di persone anziane, fragili e spesso non autosufficienti, che da oltre un mese vivono in totale isolamento. Proprio per questo fin dall'inizio della pandemia abbiamo garantito loro un contatto con i loro familiari tramite videochiamate WhatsApp, quotidiane e in determinate fasce orarie. Di una cosa dovete essere sicuri: stiamo proteggendo i nostri ospiti dal virus come faremmo con i nostri stessi parenti, con la stessa attenzione e con lo stesso amore"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stabilimenti balneari, le tariffe 2020: quanto costa l'estate "sui bagni" tra abbonamenti, ombrelloni, lettini e cabine

  • Fase 2 Toscana: le linee guida stabilimenti balneari, campeggi, parchi di divertimento e ristoranti. L'ordinanza della Regione

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

  • Bagni Pancaldi, la protesta dei clienti: "Ricattati di perdere il posto in caso di mancato rinnovo"

  • Pronto Soccorso, accessi per storte e "troppo sole". Medici stremati: "Non siamo più i vostri eroi?"

  • Bagni Fiume, apertura il 20 giugno con ingressi giornalieri: "I vecchi abbonati possono riconfermare cabina e ombrellone per il 2021"

Torna su
LivornoToday è in caricamento