Coronavirus, nuova ordinanza: attività fisica solo vicino alla propria abitazione. Chiusi parchi e giardini pubblici

Le misure del ministero della Salute, valide dal 21 al 25 marzo, cercano di mettere una stretta a chi esce senza un valido motivo

Ulteriori misure restrittive per fronteggiare l'emergenza Coronavirus. Mentre il numero di contagiati e di decessi continua drammaticamente a salire di giorno in giorno, il ministero della Salute ha emanato una nuova ordinanza per limitare ulteriormente lo spostamento di persone, così da cercare di contenere la propagazione del Covid-19. Per effetto delle nuove disposizioni, in vigore dal 21 al 25 marzo, sarà vietato l'accesso ai parchi, alle ville e ai giardini pubblici, così come non sarà consentita l'attività ludica o ricreativa all'aperto. L'attività motoria rimane invece permessa, purché in prossimità della propria abitazione e nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona. Inalterati gli orari dei supermercati e dei negozi di alimentari, che rimarranno aperti anche nel weekend.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, la chiusura delle scuole verrà prorogata: slitta ancora il rientro in classe

Coronavirus, cosa prevede la nuova ordinanza del ministero della Salute

Di seguito tutte le misure contenute nella nuova ordinanza:

  • è vietato l'accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
  • non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all'aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
  • sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all'interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali;
  • restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
  • nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rosignano, scontro tra camion e auto sulla SR 206: due feriti

  • Dramma a Collesalvetti: gravissima 30enne investita dal fratello dopo una lite, l'uomo inseguito e arrestato per tentato omicidio

  • Funerale Andrea Matteucci, San Jacopo gremita per l'ultimo abbraccio a "Gas"

  • Campiglia Marittima, uccide un gatto e lo cucina davanti alla stazione: il video virale indigna la rete, denunciato 21enne

  • Coronavirus Toscana, albergo sanitario obbligatorio per i positivi: "Scongiurare il moltiplicarsi di focolai domestici"

  • Via Pieroni, non paga il conto al ristorante e tenta la fuga: denunciato 57enne

Torna su
LivornoToday è in caricamento