Criminalità, il porto di Livorno al primo posto in Italia per sequestro di cocaina

Il dato è emerso dal rapporto "Le mafie in Toscana": nel 2018, sono stati confiscati 530 chili sui 589 recuperati in tutta la regione

Il porto di Livorno al primo posto in italia per sequestro di cocaina e la città, in Toscana, fa registrare il tasso medio annuo più elevato per quanto riguarda le segnalazioni per traffico e spaccio di stupefacenti. Sono questi i dati emersi, relativi al 2018, da "Le mafie in Toscana", terzo rapporto sui fenomeni di criminalità organizzata e corruzione, curato dalla Scuola Normale superiore di Pisa su incarico della Regione: "Nonostante le mafie non riescano ad avere un insediamento stabile sul territorio - si legge nel rapporto - sono però sempre più riconoscibili le 'tracce' di una crescita di gruppi di criminalità organizzata. Le cosche considerano la Toscana come una terra di conquista. Preferiscono, piuttosto che colonizzare, esternalizzare a gruppi autoctoni o mimetizzarsi. Però non si limitano a riciclarvi denaro, ma la usano anche per farvi affari".

Sequestrati 600 kg di cocaina al porto di Livorno

A Livorno record di cocaina sequestrata in porto e per segnalazioni di traffico di stupefacenti

Livorno, in base a quanto emerso, si conferma, insieme a Grosseto, Prato e Massa-Carrara, una delle province con il più elevato rischio di penetrazione criminale. Il nostro comune continua a registrare il tasso medio annuo più alto per quanto riguarda le segnalazioni per traffico e spaccio di stupefacenti, seguito da Firenze. Il porto, invece, guadagna il primato nazionale per cocaina sequestrata nel 2018: 530 chili sui 589 recuperati in tutta la Toscana. 

Operazione "Due mondi": all'Elba l'ombra della Camorra

In aumento i beni sequestrati alla criminalità organizzata

In totale, in Toscana, sono 572 i beni immobili sequestrati, distribuiti in 67 comuni. Di questi, 145 sono quelli già destinati, come la tenuta di Suvignano assegnata alla regione Toscana. La matrice camorristica è la più ricorrente, con quasi il 40 per cento dei beni, seguiti da Cosa nostra (11,5%) e ‘Ndrangheta (6,2%). Quel che rimane è riconducibile alla Sacra Corona Unita, la Mala del Brenta o associazioni mafiose originarie del Lazio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Colpo alla 'Ndrangheta: sequestrati appartamenti e terreni al clan Piromalli

Rossi: "Contrastare l'illegalità per promuovere lo sviluppo"

Il presidente della Regione Enrico Rossi ha tracciato quella che deve essere la linea da seguire per il contrasto alla criminalità: "Occorre alzare il livello di consapevolezza per salvaguardare un corpo sociale e un apparato amministrativo che appaiono ancora sostanzialmente sani, ma che non sono estranei a fenomeni di illegalità e infiltrazione da parte della criminalità organizzata. Serve rispondere con forza al bisogno di giustizia da parte dei cittadini toscani, condizione imprescindibile per la crescita il benessere e la prosperità economica". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isola d'Elba: avvistato il Khalilah, lo yacht tutto ricoperto d'oro

  • Rosignano, scontro tra camion e auto sulla SR 206: due feriti

  • Mick Jagger sceglie Bolgheri e la Toscana per le sue vacanze estive

  • Coronavirus Toscana, albergo sanitario obbligatorio per i positivi: "Scongiurare il moltiplicarsi di focolai domestici"

  • Casting, cercasi bambine e ragazze per il film sulla cantante Nada: come candidarsi

  • Allerta meteo a Livorno per sabato 4 luglio: codice giallo per piogge e temporali

Torna su
LivornoToday è in caricamento