Droga, arrestato con 830 kg nascosti nel garage di via Montebello

In manette un albanese di 35 anni incensurato. L'operazione condotta dalla squadra mobile di Livorno è scattata dopo una segnalazione anonima tramite l'app YouPol.

Più che un garage, un vero e proprio magazzino della droga. E neppure piccolo, considerato l'imponente quantitativo di sostanza stupefacente scoperta, persino quasi casualmente, dagli agenti della squadra mobile di Livorno. Oltre 800 chili tra marijuana e hashish, perfettamente confezionati e pronti a essere immessi sul mercato, che, venduti al dettaglio, avrebbero potuto fruttare una cifra intorno ai due milioni di euro. Un'operazione nata da una segnalazione anonima tramite l'app YouPol che ha portato in manette un operaio albanese di 35 anni, incensurato ma ricercato dalla polizia dopo essere stato avvistato con una pistola a bordo di una Ford Focus.

È stata proprio l'arma, poi scoperta essere una riproduzione giocattolo di una Beretta modello 92 (con tanto di caricatore e una dozzina di cartucce a salve), a tradire l'uomo, impiegato in una ditta livornese di manutenzione impianti e residente nella zona Montebello. Qui, tra le strade di un quartiere che certo può essere ricondotto alla cosiddetta Livorno bene, era stato visto aggirarsi sulla sua auto con la pistola, facendo nascere più di un sospetto in qualche cittadino che, prontamente, aveva lanciato l'allarme tramite l'applicazione della polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli appostamenti coordinati dalla nuova dirigente della squadra mobile, Valentina Crispi, e le successive indagini hanno dunque permesso di individuare l'uomo, seguito fino in via Ebat dove appunto si trovava il garage utilizzato come deposito della droga. In tutto, oltre a 5 bilancine di precisione e il necessario per il confezionamento delle sostanze stupefacenti, sono stati trovati 564 kg di marijuana e 266 kg di hashish in panetti da un etto l'uno. Arrestato e trasferito nel carcere Le Sughere di Livorno, l'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere: al momento, tuttavia, non sembrerebbero esserci complici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate 2020, slittano le riaperture dei bagni: "Troppe incognite, poco tempo per organizzarsi". A rischio la stagione ai Fiume

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus Toscana: 2 morti, 12 nuovi positivi e 30 guarigioni. Il bollettino di sabato 23 maggio

Torna su
LivornoToday è in caricamento