Magna Closures, Usb: "No agli straordinari fino a quando ci saranno operai a casa"

L'Unione sindacale di base pronta a scioperare contro le richieste dell'azienda di lavorare anche il sabato: "Bene il raddoppio degli ordini, ma è assurdo il lavoro straordinario in regime di ammortizzatori sociali"

Dal timore della chiusura alla necessità di lavoro straordinario. È questa la situazione della Magna Closures, l'azienda di Guasticce che, dopo aver rischiato di chiudere e mandare a casa 500 persone, adesso necessita di un potenziamento di forze lavoro per il raddoppio degli ordini su una linea dello stabilimento, uno tra i principali fornitori a livello mondiale dei sistemi di chiusura innovativi e moduli per l'industria automobilistica globale. Una buona notizia che, tuttavia, non è stata accolto troppo favorevolmente dall'Unione sindacale di base (USB), considerata la situazione complessiva che vede l'azienda in regime di ammortizzatori sociali, con contratti di solidarietà e operai a casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

USB: "Straordinari? Richiesta assurda in regime di ammortizzatori sociali"

"Giovedì 10 ottobre - spiegano da USB - le organizzazioni sindacali della Magna Closures di Guasticce sono state convocate dalla dirigenza per importanti comunicazioni. Su una linea dello stabilimento sono raddoppiati gli ordini e l'azienda ha richiesto 9 sabati di lavoro in straordinario. Il fatto che siano aumentati gli ordini è un dato assolutamente positivo ma per USB è assolutamente inaccettabile che si chieda di lavorare in straordinario quando tutto lo stabilimento è in regime di ammortizzatori sociali e decine di operai sono a casa". "L'azienda - concludono da USB - interrompa i contratti di solidarietà e poi la nostra organizzazione sarà disposta a discutere qualsiasi nuova proposta. Fino a quel momento abbiamo abbiamo deciso di proclamare sciopero dello straordinario a partire già da questo sabato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate 2020, slittano le riaperture dei bagni: "Troppe incognite, poco tempo per organizzarsi". A rischio la stagione ai Fiume

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

Torna su
LivornoToday è in caricamento