Lavoro abusivo, la Cna incontra il prefetto: "Scoprire chi ha fatto dell'irregolarità la sua professione"

Il presidente Maurizio Serini dopo il vertice con il dottor Tomao: "La nostra una battaglia sia a livello culturale che di legalità"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LivornoToday

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato da parte della Cna riguardante la lotta al lavoro abusivo. 

Il prefetto di Livorno Gianfranco Tomao ha ricevuto una delegazione della Cna territoriale di Livorno nell'ambito della riunione del coordinamento delle forze di polizia. L'incontro era stato richiesto da Cna per affrontare una problematica estremamente sentita dalle imprese: il lavoro abusivo, una pratica ormai dilagante in moltissimi settori dall'edilizia ai trasporti, dall'estetica all'acconciatura, dagli impianti all'autoriparazione, dall'alimentare alla moda, dalla fotografia al digitale, fino anche ad attività molto complesse come quelle di produzione. Nell'incontro è stata evidenziata l'attività già espressa dalle forze dell'ordine sul territorio, con particolare riguardo all'azione svolta dalla Guardia di Finanza, sia a livello preventivo che repressivo, ma anche l'intenzione di intensificare ulteriormente le attività di controllo, in particolare attraverso precise segnalazioni. 

“Quella all'abusivismo – afferma il presidente Cna Maurizio Serini – è una battaglia da fare sia a livello culturale che di legalità; per la prima, abbiamo iniziato un percorso in alcune scuole e punteremo ad informare gli utenti dei rischi che corrono a livello di salute, sicurezza e perfino legale, nonché del danno fatto alle aziende regolari; per la parte della legalità chiediamo a chiunque un passo avanti nel segnalarci i presunti abusivi. Sarà poi Cna a far propria la segnalazione ed a inviarla all'organismo di vigilanza preposto al tipo di reato ipotizzato, tenendo anonimo il segnalante”.

“A Cna – aggiunge il direttore Dario Talini – non interessa che venga colpito chi, seppur sempre illegalmente, fa qualche piccola ed occasionale prestazione, perché capiamo l'impossibilità di spingersi a questo livello di controllo, ma ci mettiamo a servizio delle forze dell'ordine per riuscire a scovare chi ha fatto dell'irregolarità uno stile di lavoro, chi si è attrezzato per eseguire ogni giorno lavorazioni per le quali le imprese regolari sottostanno a tasse, controlli, norme sulla sicurezza e sugli smaltimenti ambientali, formazione obbligatoria e tante altre norme tanto giuste quanto onerose nel loro rispetto". 

Torna su
LivornoToday è in caricamento