Tragedia nel mondo del basket livornese: Lorenzo Bambi muore a 23 anni

Ex giocatore di pallacanestro, aveva lasciato l'attività agonistica per problemi al cuore che lo avevano costretto a due operazioni. Fatale un arresto cardiaco nel pomeriggio di venerdì 6 settembre

(foto Facebook Labronica Basket)

Per colpa di una maledetta malformazione congenita al cuore aveva dovuto dire addio alla sua grande passione, il basket, lui che era arrivato a giocare anche in serie C Silver con la maglia della Labronica. Un cuore malandato che, dopo aver subito due operazioni, tecnicamente riuscite alla perfezione, si è tuttavia fermato per sempre: Lorenzo Bambi, livornese di 23 anni compiuti lo scorso maggio, è morto così, per un arresto cardiaco in casa di un amico, al Castellaccio, dove venerdì 6 settembre ha accusato un malore fatale. Disperata la corsa in ospedale e il massaggio cardiaco operato dal medico del 118 nel tentativo di salvargli la vita: arrivato in pronto soccorso, il personale sanitario non ha però potuto fare altro che constatare il decesso del giovane.

Lorenzo Bambi, un ragazzone cresciuto a pane e pallacanestro

Una tragedia che ha colpito una famiglia intera, distrutta dal dolore, e sconvolto il mondo del basket livornese, dove Lorenzo era stimato non solo per le sue capacità cestistiche. Alto oltre due metri, quel ragazzone era cresciuto a pane e pallacanestro, lui che era nipote di Claudio Rogai, leggenda della palla a spicchi livornese scomparso nel marzo 2017 a 72 anni. Dopo la trafila nelle giovanili del Don Bosco e una prima esperienza in serie D con il Meloria, Bambi era approdato in C2 Silver, alla Labronica Basket, raggiungendo la finale per la promozione in C Gold mancata soltanto per un soffio.

Le due operazioni al cuore e l'addio al basket

Poi, dopo la morte del nonno e la scoperta di una malformazione congenita al cuore, la decisione di lasciare la pallacanestro. A ottobre 2018 un primo intervento, all'ospedale specializzato di Massa, dove gli avevano sostituito una valvola aortica. Quindi a marzo di quest'anno una seconda operazione, ancora a Massa, per un versamento della valvola. Un intervento perfettamente riuscito grazie alla professionalità dell'équipe di medici del professor Marco Solinas, "angeli" che la famiglia di Lorenzo avevano voluto ringraziare perfino sulla stampa locale. Venerdì pomeriggio, poco dopo le 14.30, la tragedia: andato in arresto cardiaco, i volontari della Misericordia di Montenero e il medico del 118 hanno tentato in tutti i modi di salvargli la vita. Quel cuore maledetto, però, non è più ripartito.

L'ultimo saluto a Lorenzo: lunedì 9 settembre i funerali

Il dolore del Don Bosco: "Un abbraccio alla famiglia e agli amici tutti" 

La notizia ha sconvolto il mondo della pallacanestro che adesso piange quel ragazzone buono e bravo. Tra i primi a esprimere il proprio dolore, il Don Bosco pallacanestro: "Il Don Bosco piange per la scomparsa di Lorenzo Bambi. Tutta la Pallacanestro Don Bosco è particolarmente vicina ai familiari e agli amici per la tragica e prematura scomparsa a soli 23 anni di Lorenzo Bambi. Lorenzo era cresciuto nelle nostre giovanili ed era nipote del compianto allenatore Claudio Rogai. L'abbraccio di tutta la società, dello staff e dei giocatori, giunga, in questo doloroso momento, a tutti gli affetti più cari del povero Lorenzo". Alla famiglia e agli amici tutti di Lorenzo giungano anche le più sentite condoglianze della redazione di LivornoToday.

(foto Facebook Labronica Basket)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cake Star a Livorno, i nomi delle tre pasticcerie in gara

  • Contromano sulla Variante, muore a 21 anni nello scontro frontale con un'auto

  • Cake Star, Chef Carrara a Livorno per trovare la migliore pasticceria

  • Calcio in lutto per la morte di Nicola Fiorenzani, giovane attaccante dell'Acciaiolo

  • Perde il controllo dello scooter e finisce fuori strada: 24enne in coma

  • Ascoli-Livorno, la denuncia dei tifosi amaranto: "Lasciati senza acqua sotto il sole, come le bestie"

Torna su
LivornoToday è in caricamento