Pioggia e vento di Ponente, affondate sei barche al moletto d'Antignano. Il CPA: "Serve messa in sicurezza"

Il presidente del Circolo Pesca Antignano, Luigi Del Re: "Problema serio ogni volta che si presentano queste condizioni metereologiche, insisteremo con l'amministrazione per trovare una soluzione"

La violenta mareggiata che ha colpito la costa livornese lunedì 4 novembre e le piogge copiose cadute nei giorni scorsi hanno fatto sì che al moletto di Antignano affondassero 6 barche di piccole dimensioni. Un evento che non può essere tuttavia considerato anomalo, dal momento che, come racconta il presidente del Circolo Pesca Antignano (CPA), Luigi Del Re, si ripropone ogni qual volta si presentino condizioni meteo particolarmente avverse. "Come al solito - attacca Del Re -, quando si concretizza la combinazione di pioggia battente e vento forte di Ovest - Sud Ovest (ponente o libeccio), al moletto di Antignano affondano le barche".

barca affondata moletto antignano-2

Luigi Del Re (CPA): "Le barche continueranno ad affondare se non si procede con la messa in sicurezza"

"Anche in questa occasione - prosegue il presidente del CPA - sono 6 le piccole imbarcazioni che sono affondate e questa situazione è destinata a ripetersi sempre più se non viene seriamente affrontata la questione della messa in sicurezza dello specchio acqueo interno del porticciolo. È un problema che fino ad oggi, dalle istituzioni competenti ed in particolare dagli uffici comunali preposti, è stato sempre affrontato in maniera burocratica per cui, essendo il porticciolo classificato nel 'Masterplan Regionale dei Porti in Toscana' come "punto di ormeggio", non possono essere realizzate opere se non di facile rimozione". "Questo vuol dire che la struttura, utilizzata per la nautica sociale e data in concessione ai circoli per ormeggiare le imbarcazioni dei propri associati deve sempre essere esposta al pericolo delle mareggiate - spiega Del Re -, non essendo il porticciolo, unico nel suo caso, protetto dal vento e dal mare di ponente".

moletto antignano barche affondate-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Del Re: "Regione e genio civile disponibili a intervenire. Cercheremo soluzione con l'amministrazione comunale"

"Ci adopereremo di nuovo e auspichiamo al più presto un incontro con l'amministrazione comunale per insistere sulla soluzione del problema visto anche che, messi al corrente e documentati sulle conseguenze delle mareggiate, sia il genio civile che la Regione Toscana, nella persona del responsabile settore Infrastrutture Mobilità e Logistica, sarebbero disponibili a intervenire sia con le proprie competenze tecniche che finanziariamente, come già dichiarato dagli interessati"."Gradiremmo infine - conclude Del Re - che, almeno una volta, quando ci sono queste mareggiate, per causa delle quali vengono diramate le allerte meteo, oltre che giustamente a chiudere i viali a mare per ragioni di sicurezza, si facesse un sopralluogo al moletto di Antignano per vedere di persona cosa succede e lo stress al quale vengono sottoposte le nostre imbarcazioni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, è morto Paolo D’Ercole: ex portiere di calcio e dipendente Aamps, aveva 69 anni

  • Coronavirus, un morto a Cecina e 35 nuovi casi tra Livorno e provincia: il bollettino di lunedì 30 marzo

  • Coronavirus, lo studio: Toscana ultima regione italiana a fermare la diffusione dei contagi

  • Coronavirus, tre morti e 16 nuovi positivi tra Livorno e provincia: il bollettino di domenica 29 marzo

  • Dall'alluvione alla lotta contro il Coronavirus: nel video "La forza di Livorno" si racconta come lotta la città

  • Coronavirus Toscana, tre morti a Livorno tra i 21 decessi in Toscana: il bollettino di sabato 28 marzo

Torna su
LivornoToday è in caricamento