Dramma in via Magenta, muore a 61 anni dopo aver accusato un malore al bar

La donna è deceduta in ospedale nonostante il disperato tentativo dei soccorritori di salvarle la vita

Si è sentita male nel bar di via Magenta, un malore improvviso che le è stato fatale nonostante il tempestivo tentativo dei soccorritori di salvarle la vita. È morta così, appena arrivata in ospedale, una donna di 61 anni che, nella mattina di mercoledì 16 ottobre, si è accasciata a terra all'interno del locale tra lo sgomento delle persone presenti. Sono state loro a fermare un'ambulanza della Misericordia di Livorno, casualmente di passaggio in strada, per consentire gli immediati soccorsi prima ancora che arrivasse un altro mezzo della Misericordia di via Verdi con il medico del 118 a bordo. Frenetiche le operazioni per cercare di rianimare la donna, andata subito in arresto cardiaco. Quindi la corsa in ospedale, dove la 61enne è però purtroppo deceduta pochi minuti dopo il suo arrivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2 Toscana: le linee guida stabilimenti balneari, campeggi, parchi di divertimento e ristoranti. L'ordinanza della Regione

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Bagni Pancaldi, la protesta dei clienti: "Ricattati di perdere il posto in caso di mancato rinnovo"

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

  • Tragedia in via Mondolfi, motociclista muore a 58 anni dopo lo scontro con un suv

Torna su
LivornoToday è in caricamento