Rischiò di morire per overdose, arrestati gli spacciatori che le vendettero eroina

Le indagini della squadra mobile di Livorno hanno portato al fermo di due tunisini, colpevoli di aver reiterato nel tempo l'attività di spaccio. Entrambi sono finiti ai domiciliari con braccialetto elettronico

La dirigente capo della squadra mobile, Valentina Crispi

Piccole dosi, ma consegnate in abbondanza. Una rete di spaccio organizzata: telefoni mai intestati ai pusher, ordinazioni sotto forma di "pianta o "mezza ciabatta", corrieri addetti alla consegna su biciclette o motorini rubati che arrivavano in tutta la città, dalla stazione a piazza Mazzini, da Shanagi a via Garibaldi. Per intercettare i quattro capibanda ed arrestarne almeno due (gli altri sono latitanti) sono servite un anno di indagini condotte dalla squadra mobile di Livorno, diretta dalla vicequestore aggiunto Valentina Crispi (nella foto d'archivio), e la denuncia di una cliente, che per una dose di eroina comprata dai soggetti fermati ha rischiato di morire. Adesso i due, tunisini di 33 e 23 anni, sono ai domiciliari con braccialetto elettronico, misura cautelare ordinata dal gip in attesa del processo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Storie di spaccio al dettaglio quotidiane, Livorno o altre città non fa la differenza, dove ad emergere è il solo aspetto delinquenziale e difficilmente quello sociale. Ovvero la storia di una donna come potrebbero essere tante, finita in overdose da eroina, che se non fosse stata vista da qualche passante - e quindi soccorsa da un'ambulanza - probabilmente sarebbe morta a 32 anni sul viale Carducci. Una donna, tossicodipendente, invisibile sui social, popolati da chi è attentissimo a discutere sulle pene da infliggere ai delinquenti, ma anche alla politica, raramente attenta a un dramma sociale di cui non si possono certo occupare, da sole, le forze di polizia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

  • Bagni Pancaldi, la protesta dei clienti: "Ricattati di perdere il posto in caso di mancato rinnovo"

Torna su
LivornoToday è in caricamento