Percepiva il reddito di cittadinanza ma lavorava in nero per un ristorante cinese: sanzionato 60enne

L'uomo, residente a Livorno, è stato sorpreso e multato dalla guardia di finanza. Dovrà restituire oltre 3mila euro

Un sessantenne lucchese, residente a Livorno, è stato sanzionato dalla guardia di finanza in quanto, nonostante prendesse 600 euro di reddito di cittadinanza, faceva consegne in nero per un ristorante cinese. Le fiamme gialle hanno scoperto la truffa grazie a numerosi controlli nell'area industriale della città. Per l'uomo è scattata l'immediata decadenza del sussidio con l'obbligo di restituzione allo Stato di quanto già riscosso (3.750 euro). Il 68enne non è stato denunciato perché al momento della domanda del reddito di cittadinanza, era in possesso dei requisiti previsti dalla legge e non ha presentato dati falsi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, è morto Paolo D’Ercole: ex portiere di calcio e dipendente Aamps, aveva 69 anni

  • Coronavirus, un morto a Cecina e 35 nuovi casi tra Livorno e provincia: il bollettino di lunedì 30 marzo

  • Coronavirus, lo studio: Toscana ultima regione italiana a fermare la diffusione dei contagi

  • Coronavirus, tre morti e 16 nuovi positivi tra Livorno e provincia: il bollettino di domenica 29 marzo

  • Dall'alluvione alla lotta contro il Coronavirus: nel video "La forza di Livorno" si racconta come lotta la città

  • Coronavirus Toscana, tre morti a Livorno tra i 21 decessi in Toscana: il bollettino di sabato 28 marzo

Torna su
LivornoToday è in caricamento