Porto, maxi sequestro di rifiuti: scoperte 56 tonnellate di rame illegale

Operazione congiunta di guardia di finanza ed agenzia delle dogane. Scovate altre 26 tonnellate di materiale illecito nel porto di Genova Pra': la merce destinata ad un'acciaieria veneta

Maxi sequestro di rame tra il porto di Genova Pra' e quello di Livorno. La merce, proveniente dal Venezuela e destinata ad un'acciaieria in Veneto tramite un intermediario svizzero, è stata scovata all'interno di sei container dalla guardia di finanza e dall'agenzia delle dogane nella notte tra il 21 e il 22 ottobre. Il primo sequestro, di 27 tonnellate, è avvenuto nella città ligure, mentre successivamente altre 56 tonnellate sono state rinvenute nello scalo livornese. Un'operazione che ha coinvolto quattro società, segnalate per l'applicazione della normativa in tema di responsabilità amministrativa degli enti. I rispettivi rappresentanti legali, invece, sono stati denunciati per spedizione illecita di rifiuti e ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Livorno, morto il primo paziente risultato positivo al Covid-19: aveva 55 anni, era ricoverato da 25 giorni

  • Coronavirus Livorno, file ordinate ai supermercati e spesa a domicilio: ecco i negozi che consegnano a casa

  • Coronavirus, è morto Paolo D’Ercole: ex portiere di calcio e dipendente Aamps, aveva 69 anni

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi a Livorno, 224 in Toscana. Il bollettino di venerdì 27 marzo

  • Coronavirus, un morto a Cecina e 35 nuovi casi tra Livorno e provincia: il bollettino di lunedì 30 marzo

  • Coronavirus, tre morti e 16 nuovi positivi tra Livorno e provincia: il bollettino di domenica 29 marzo

Torna su
LivornoToday è in caricamento