Terremoto Albania, raccolta fondi della comunità residente a Livorno

Con il ricavato saranno acquistate attrezzature per chi lavora tra le macerie: "Dovevamo fare qualcosa, grazie a tutti i volontari"

Il terremoto che nei giorni scorsi ha devastato l'Albania non ha colpito soltanto gli abitanti della penisola balcanica, ma anche i loro connazionali che da tempo vivono all'estero. È per questo che anche a Livorno un gruppo spontaneo di dieci persone, tutte di origini albanesi e residenti in città da anni, ha lanciato una raccolta fondi. Liljana Mboqe, Rexhep Paja, Ernat Mica, Laurent Bushi, Suzana Qosja, Saimir Dashi, Klajdi Shorja, Fesati Haxhi, Genti Shtjefni, Karamani Enkelejd: questi i dieci componenti del gruppo che hanno deciso di mettere in atto varie forme di sostegno, tutte destinate all'acquisto di attrezzature da lavoro per chi è impegnato tra le macerie.

Terremoto Albania, il vigile del fuoco livornese: "Qui la terra trema ancora"

"Come comunità albanese nel territorio livornese - spiegano i componenti del gruppo - ci siamo sentiti in dovere di fare qualcosa. È nato un gruppo spontaneo di persone che si è messo in moto per raccogliere fondi da destinare all'acquisto di attrezzature per chi lavora tra le macerie. Sul campo c'è un nostro concittadino, Roland Doja, un ragazzo che ha esperienza nelle zone terremotate: lo abbiamo da subito contattato per capire e coordinarci per le necessità primarie visto che hanno vietato di far partire alimenti e vestiario per eccesso sul posto".

Caschi, generatori e tronchese: ecco cosa serve in Albania

"Roland - spiegano - ci ha chiesto martelli pneumatici, caschi da lavoro con lucina, generatori, tronchese, motosega e delle torre faro: da sabato 30 novembre troverete dei contenitori dove contribuire acquistando un biglietto simbolico della lotteria che costa 10 euro. Questa è la prima fase che viene fatta con urgenza, mentre da lunedì 2 dicembre saremo operativi con un conto corrente dove ognuno potrà contribuire fino al 22 dicembre, così da poter destinare ulteriori aiuti coordinati da persone di nostra fiducia". "Come sempre ci metteremo la faccia in prima aggiungono dalla comunità albanese - perché sia tutto trasparente e gli aiuti arrivino a destinazione. Vogliamo ringraziare i vigili del fuoco e tutti quei volontari che da giorni stanno operando nelle zone colpite dal sisma e che stanno aiutando i nostri connazionali in questo momento difficile". 

"Grazie a Bsa che ci ha messo in contatto con altre comunità albanesi"

"Una volta raccolti i soldi e comprato il materiale, rimane il problema della spedizione - spiegano dal gruppo -. Grazie a Bsa siamo tuttavia riusciti a metterci in contatto con altre comunità albanesi di altre città che come noi si sono adoperate per portare aiuti, e grazie alla loro disponibilità abbiamo la possibilità di inviare tutto il materiale che riusciremo a comprare con la raccolta fondi senza dover spendere ulteriori soldi. Un ringraziamento anche alle varie realtà che hanno permesso ciò".

Come partecipare alla raccolta fondi per l'Albania

Nel pomeriggio di oggi, sabato 30 novembre, una rappresentanza della comunità sarà presente al centro commerciale Fonti del Corallo, mentre domenica 1 dicembre si procederà, salvi indicazioni contrarie, a una raccolta in piazza Grande. Questo l'elenco dei luoghi dove è possibile contribuire:

  • Bar Primavera in via Gramsci
  • Caffè Paradiso in via Maggi
  • In Borgo Caffè in Borgo Cappuccini
  • Bar Sirena in piazza Mazzini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Variante Aurelia, auto perde il controllo e si ribalta: due feriti, traffico in tilt

  • Marina di Castagneto, maxi rissa in discoteca: "Delinquenti fuori controllo, aggredite anche le ragazze"

  • Salvini contro il Vernacoliere, Mario Cardinali: "Stiamo andando verso il cattofascismo"

  • I mercatini di Natale a Livorno e provincia: il calendario degli appuntamenti per il 2019

  • Salvini all'Elba e a Firenze, mobilitazione delle "Sardine" anche a Livorno con un flash mob il 30 novembre

  • Sardine livornesi a Firenze: "Meglio un pisano in casa che Salvini all'uscio". Foto

Torna su
LivornoToday è in caricamento