Torre della Cigna, Salvetti e Raspanti incontrano i residenti: "No allo sgombero in assenza di alternative"

Dopo il blocco della Chiccaia, il primo cittadino e l'assessore al Sociale hanno fatto visita agli occupanti della struttura che dovrà essere liberata prossimamente

Dopo aver incontrato gli abitanti del blocco della Chiccaia il sui sgombero è stato rimandato a metà gennaio, il sindaco Luca Salvetti e l'assessore al Sociale Andrea Raspanti hanno fatto visita ai residenti della Torre della Cigna. Il tribunale di Livorno ha ordinato di liberare la struttura al più presto e l'amministrazione comunale sta facendo il possibile per venire incontro alle esigenze delle famiglie che abitano dentro l'immobile. Sindaco e assessore, come raccontato da Asia Usb, hanno cercato di rassicurare gli occupanti affermando che la giunta lavorerà affinché tutti i nuclei, la cui stragrande maggioranza ha subito uno sfratto per morosità incolpevole dopo aver perso il lavoro e sono iscritti alle liste di emergenza abitativa ormai da anni, non finiscano per strada.

cigna-2

Asia Usb: "Il diritto alla casa deve essere garantito a tutti"

Il sindacato, al termine dell'incontro, ha espresso la propria soddisfazione per quanto emerso: "Ribadiamo che da sempre, abbiamo lottato affinché il diritto alla casa fosse garantito a tutti senza distinzioni e senza mai concentrare la nostra attenzione solo su un settore piuttosto che un altro. Senza mai privilegiare gli occupanti rispetto agli inquilini ERP o piuttosto a chi è in attesa di una casa popolare magari da anni. Continueremo ad avere lo stesso approccio di sempre anche nei confronti della nuova giunta e del partito di maggioranza in consiglio. Inoltre saremo sempre a monitorare e proseguire nei percorsi di lotta che ci vedono protagonisti. Dal sostegno al comitato di quartiere di via Giordano Bruno come fino ad arrivare ai picchetti antisfratto e l’assistenza alle famiglie che hanno subito il pignoramento della propria abitazione". 

Andrea Raspanti assessore al sociale  (2)-2

Raspanti: "No allo sgombero in assenza di alternative"

L'assessore al Sociale, raggiunto telefonicamente, ha voluto fare il punto della situazione riguardante la Torre della Cigna: "Si è trattato di un incontro molto positivo. Un momento di confronto aperto, in cui insieme al sindaco abbiamo ribadito la linea dell’amministrazione su questa vicenda: non ci sarà alcuno sgombero in assenza di soluzioni alternative. Nella Torre vivono persone normali, che si sono trovate senza risposte e senza strumenti in un momento di grande difficoltà. Sono, per la maggior parte, persone che sono in graduatoria per l’emergenza abitativa. La sfida, per superare le occupazioni, è quella di migliorare il sistema Erp per aumentare il numero degli inserimenti e velocizzare lo scorrimento delle graduatorie. Ovviamente gli sviluppi di questa delicata situazione non dipendono solo dal Comune, ma anche da altri enti che per ora sembrano su posizioni diverse. Abbiamo intrapreso un lavoro di mediazione che speriamo ci faccia guadagnare tempo".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cake Star, Chef Carrara a Livorno per trovare la migliore pasticceria

  • Spezia-Livorno, scontri con la polizia: rischio daspo per 23 tifosi amaranto

  • Contromano sulla Variante, muore a 21 anni nello scontro frontale con un'auto

  • A scuola di livornese: origine, significato e funzioni del dé

  • Calcio in lutto per la morte di Nicola Fiorenzani, giovane attaccante dell'Acciaiolo

  • Da Hollywood a Livorno, Stanley Tucci tra i banconi del Mercato Centrale

Torna su
LivornoToday è in caricamento