Emergenza abitativa, Sorgente attacca la maggioranza: "Ignorati per decenni i casi di morosità"

La capogruppo del M5s risponde a PD, Casa Livorno e Futuro che avevano dichiarato di voler operare in discontinuità con la giunta Nogarin nel rispetto della legge

La decisione del tribunale di Livorno di sgomberare la Torre della Cigna, che ha accolto la richiesta della società proprietaria di parte dell'immobile occupato, ha acceso nuovamente il dibattito sull'emergenza abitativa. Gli occupanti hanno chiesto al Comune di opporsi a questa decisione mentre il centrosinistra ha dichiarato di voler agire in discontinuità con la giunta Nogarin. Una dichiarazione, quest'ultima, alla quale Stella Sorgente, capogruppo M5s in consiglio ed ex vicesindaco, ha voluto rispondere con otto domande che ha posto alla maggioranza formata da Pd, Casa Livorno e Futuro. 

Le otto domande di Stella Sorgente alla maggioranza sull'emergenza abitativa 

  1. È rispetto della legge avere ignorato per decenni le morosità colpevoli nelle case popolari? Essersi totalmente disinteressati della distinzione tra morosità colpevole ed incolpevole, è rispetto della legge?
  2. Si pensa davvero che tenere occupati degli alloggi delle case popolari da chi non paga l’affitto e potrebbe farlo, non abbia niente a che fare con fenomeni di occupazione sia pubblica che privata? Certo che chi occupa deve essere perseguito nei termini di legge. Ma se viene consentito che un nucleo con 18.500 euro di reddito netto scelga di non pagare 100 euro di affitto, non credete che sia un’ingiustizia per chi ha lo stesso reddito netto ma ne paga 650 sul mercato privato?
  3. Davvero si crede di continuare a dire che, su oltre 1300 nuclei morosi di Casalp, oltre 1100 non sono in condizioni di pagare? Perché è questo che si ritrova incredibilmente nel programma e nelle linee di mandato del sindaco.
  4. Si pensa davvero che si possa continuare ad accontentare chi non ha mai pagato e contemporaneamente non avere persone in strada? Si pensa davvero che sia qualcosa di sostenibile?
  5. Come mai è stata stoppata da questa amministrazione la firma del protocollo che, in pieno accordo con il Presidente di Casalp, avrebbe avviato un’azione finalmente massiva nei confronti dei morosi colpevoli
  6. Chi ha reperito le risorse per risolvere l’annoso problema della Chiccaia?
  7. Davvero si vuol far credere che la situazione di fatiscenza del patrimonio Erp sia un problema dovuto agli ultimi 5 anni? Pensate che non aver mai ridotto il Canone concessorio di Casalp dal 2004, riscuotendolo sempre al 100%, abbia messo Casalp in condizione di fronteggiare degnamente il degrado del patrimonio? Pensate che la Regione non ci combini niente nella partita delle manutenzioni? Sapete che nel 2018 abbiamo cominciato a ridurlo noi il Canone concessorio, seppure in maniera limitata e compatibile con le esigenze di bilancio? 
  8. Sapete chi ha dichiarato in campagna elettorale che, per rispondere al degrado del patrimonio erp, avrebbe eliminato il canone concessorio in soli tre anni? Non mi è sembrato al momento di avere notizia su simili movimenti di bilancio. Nel riequilibrio da poco approvato si continua con la riduzione del canone con le stesse percentuali previste dalla Giunta Nogarin. In piena continuità, con buona pace delle invettive di PD e soci. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cartello offensivo sulla disabilità, ristorante in Venezia al centro delle polemiche: la condanna del Comune

  • Attentato in Iraq, feriti 5 militari italiani: due sono paracadutisti del Col Moschin di stanza a Livorno

  • Allerta meteo a Livorno venerdì 8 novembre: codice arancione per pioggia e temporali

  • Droga, maxi sequestro nel porto di Livorno: scoperti 300 kg di cocaina

  • Allerta meteo a Livorno per martedì 12 novembre: codice giallo per temporali e vento a 70 km/h

  • Cristina D'Avena, le sigle dei cartoni animati live a Livorno domenica 17 novembre

Torna su
LivornoToday è in caricamento