Rosignano, inaugurato il nuovo depuratore

Costato 2,7 milioni di euro, può può servire un bacino di circa 60mila abitanti e garantisce il trattamento dell'intera portata fognaria

Il nuovo depuratore di Rosignano è realtà. Costato 2,7 milioni di euro, può servire un bacino di circa 60mila abitanti.  Il taglio del nastro del nuovo impianto è stato effettuato, nella mattina del 9 aprile, dal sindaco Alessandro Franchi e dal presidente del Consiglio di Gestione di Asa Nicola Ceravolo. Sono intervenuti per il comune di Rosignano Marittimo l'assessore all'ambiente e vicesindaco Daniele Donati e per ASA il direttore tecnico Mirco Brilli e i dirigenti Michele Del Corso e Fabrizio Pacini. La nuova struttura consente di depurare le acque riducendo l'emanazione di cattivi odori e di avere una maggiore disponibilità idrica per la popolazione grazie all'affinamento delle acque reflue nell'impianto di Aretusa per il consumo dello stabilimento Solvay.

I benefici del depuratore

Il nuovo impianto garantisce il trattamento dell'intera portata fognaria affluente anche nei periodi di punta estivi, producendo reflui depurati conformi ai parametri previsti dalla legge e al tempo stesso, grazie alle tecnologie di ultima generazione impiegate, consente di ridurre al massimo i cattivi odori verso le abitazioni vicine. Grazie alla nuova linea inoltre si dispone di maggiori quantitativi di acque reflue depurate idonee all'ulteriore affinamento qualitativo presso il limitrofo impianto terziario Aretusa, che ne finalizza il riuso industriale presso lo stabilimento Solvay, con il conseguente risparmio delle acque di falda di buona qualità da destinare con priorità agli usi idropotabili. Lo scarico nella condotta sottomarina avverrà raramente e comunque nei limiti ammessi dalle autorizzazioni ambientali, incrementando così la salvaguardia della balneabilità.

"Raggiunto un obiettivo importante"

"Abbiamo raggiunto un obiettivo importante per la tutela ambientale e lo sviluppo sostenibile del territorio - afferma il presidente del Consiglio di Gestione Nicola Ceravolo - L'azienda ha realizzato l'ampliamento del depuratore di Rosignano Solvay con una nuova linea di trattamento dotata di una tecnologia innovativa e una serie di interventi di ottimizzazione della linea esistente per una capacità totale di 45mila abitanti equivalenti. Inoltre il comparto pretrattamenti e le strutture edili della nuova sezione biologica a cicli alternati sono state dimensionate per un eventuale ulteriore aumento della capacità depurativa fino a 60mila abitanti equivalenti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Rosignano sotto osservazione famiglia di Casalpusterlengo. Il sindaco: "Situazione tranquilla"

  • Coronavirus, a Livorno ventunenne in isolamento: "Asintomatico, ma ha avuto contatti con persona positiva"

  • Tragedia all'Isola d'Elba, 84enne muore dopo una caduta dal terrazzo della sua abitazione

  • Amuchina fatta in casa: la ricetta dell'Oms

  • Skullbreaker Challenge, è allarme anche tra le famiglie livornesi. La polizia: "Segnalate i video alle autorità"

  • Tragedia a Piombino, 49enne muore nello scontro tra auto e camion

Torna su
LivornoToday è in caricamento