Come pulire le cromature di auto e moto

Scopriamo come dare nuova vita a queste particolari parti dei nostri veicoli

Sia che si possegga un'auto sia che si possegga una moto, un'attenzione particolare va dedicata alla cura delle cromature. Queste, con il tempo, tendono infatti ad opacizzarsi, annerirsi o ingiallirsi a causa dell'azione svolta dagli agenti atmosferici e dai gas di scarico. Con una corretta ed accurata pulizia, svolta con l'utilizzo di appositi prodotti, è però possibile farle tornare come nuove.

Il primo passo da compiere è quello di pulire la carrozzeria e tutte le cromature con prodotti non aggressivi, avvalendosi di uno spazzolino da denti per raggiungere le zone più difficili. E' poi necessario asciugare in maniera accurata le varie parti cromate con un panno morbido, in modo da evitare la formazione di macchie.

Nel caso in cui le cromature siano in buono stato, è sufficiente applicare una cera protettiva, la quale provvederà a donare loro nuova lucentezza. Se invece sono presenti parti arruginite od ossidate, è consigliabile utilizzare prodotti specifici, capaci di far tornare come nuove le parti.

Si tratta tuttavia di prodotti da impiegare con molta attenzione, in quanto abrasivi. Sono ideali per paraurti, maniglie cerchi in lega e oggetti cromati di auto e moto, ma da non usare su plastiche cromate.

Per evitare danni è consigliabile proteggere le parti adiacenti alla cromatura con nastro di carta. I prodotti vanno poi applicati sulla superficie da lucidare con un batuffolo di cotone o con un panno morbido strofinando in modo uniforme. In caso di applicazione su terminali di scarico, è necessario attendere che questi si raffreddino, in modo da evitare spiacevoli scottature. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Livorno, morto il primo paziente risultato positivo al Covid-19: aveva 55 anni, era ricoverato da 25 giorni

  • Coronavirus Livorno, file ordinate ai supermercati e spesa a domicilio: ecco i negozi che consegnano a casa

  • Coronavirus, è morto Paolo D’Ercole: ex portiere di calcio e dipendente Aamps, aveva 69 anni

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi a Livorno, 224 in Toscana. Il bollettino di venerdì 27 marzo

  • Coronavirus, un morto a Cecina e 35 nuovi casi tra Livorno e provincia: il bollettino di lunedì 30 marzo

  • Coronavirus, tre morti e 16 nuovi positivi tra Livorno e provincia: il bollettino di domenica 29 marzo

Torna su
LivornoToday è in caricamento