Salvini all'Elba, il comizio: "Diti medi e sardine? Non mi arrabbio più. Liberiamo la Toscana anche per voi". Video

Il leader del Carroccio parla alla piazza leghista: "Lavoreremo anche per chi vede ancora fascisti e razzisti, ma qui solo italiani orgogliosi di esserlo. I problemi dell'isola? Sanità, trasporti e collegamenti"

Ha parlato alla piazza, anzi alla pancia della piazza. Un comizio non troppo lungo, considerati anche gli impegni precedenti e successivi, parlando sì di sanità, trasporti e collegamenti - ovvero i problemi principali dell'isola d'Elba -, ma soprattutto tirando fuori i soliti argomenti che più scaldano il cuore di chi lo lo ha eletto capitano prima ancora che leader politico. Matteo Salvini, numero uno della Lega, gioca in casa in piazza Cavour, a Portoferraio, riempita sabato 30 novembre da quasi un migliaio di fedelissimi che applaudono e gridano "Matteo, Matteo" mentre, poco distante, circa 300 sardine cantano e ballano manifestando contro il populismo, l'odio e la discriminazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini: "Lavoreremo anche per chi vede fascisti e razzisti che non esistono più"

"Voglio bene a quella ragazza che mi fa il dito medio, libereremo questa terra anche per te - attacca Salvini a una contestatrice silenziosa ma evidentemente gesticolante -. Ti voglio bene, peace and love, my sister. Mettete dei fiori nei vostri cannoni, che mi sa che da quelle parti ne girano un po'. La droga fa male". Gioca con l'ironia, parla poco di politica e dice che non vuole più arrabbiarsi con il prossimo, sia esso sotto forma di "merluzzi, sardine, pesci palla, ragno o gatto. Viva tutti gli animali del mondo, lavoreremo anche per coloro che continuano a vedere fascisti, nazisti, razzisti. È finito quel tempo, qui ci sono solo italiani orgogliosi di esserlo, pronti ad accogliere chi ha il permesso di entrare e gli altri a casa loro sul primo barcone".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvini: "Mandiamo a casa Rossi e il Pd"

Salvini: "Toscana libera, basta far lavorare gli amici degli amici"

La chiusura, finalmente politica, è un elenco generalizzato di cosa non va: "La sanità, i trasporti, i collegamenti - chiude Salvini -. Non è possibile non garantire i collegamenti tra l'isola e la terra ferma. Non mi interessano le amicizie, non è possibile dare decine di milioni di euro a qualcuno che non poi non garantisce il servizio che deve fare. Anche perché non mi sembra che ci siano imbarcazioni di ultimo livello. Ci imegneremo anche per questo, la Toscana aspetta di essere liberata da 50 anni".

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mick Jagger sceglie Bolgheri e la Toscana per le sue vacanze estive

  • Tragedia ai Tre Ponti, 81enne muore annegato dopo aver accusato un malore

  • Incidente sul Romito, grave centauro dopo lo scontro in moto con un'auto

  • Mascagni Festival, palcoscenico alla Terrazza e anteprima in Fortezza Nuova: tra i protagonisti anche Luca Zingaretti. Il programma

  • Tragedia nel Casentino, livornese muore a 58 anni durante un'escursione con la moglie

  • Filma il market dove si vende birra fuori orario, consigliere aggiunto aggredito nella rissa in piazza della Repubblica

Torna su
LivornoToday è in caricamento