Calciomercato Livorno: acquisti, cessioni e trattative. Gli aggiornamenti della sessione invernale

Il bilancio parla di quattro acquisti (Ferrari, Awua, Trovato e Seck) e altrettante cessioni (Raicevic, Agostino Rizzo, Gonnelli e Gasbarro)

Come accade ormai da moltissimi anni a questa parte, il mercato invernale del Livorno è stato fallimentare e, sembrava impossibile, ha indebolito ulteriormente la rosa a disposizione di Tramezzani. In totale sono arrivati quattro giocatori di cui forse solo uno, Ferrari, potrebbe giocare titolare, e ne sono partiti altrettanto. Peccato che tra le cessioni almeno tre, Raicevic (con tutti i suoi difetti), Gasbarro e Gonnelli erano potenziali titolari. Come se non bastasse, Spinelli, intercettato da Sportitalia, ha avuto anche l'ardore di dire che entro tre o massimo quattro anni rivedremo il Livorno in serie A. Peggio di così non poteva andare. 

Pisa-Livorno, il derby di ritorno in programma il 7 marzo alle 18

Calciomercato Livorno, tutte le operazioni della sessione invernale

Il primo giocatore a salutare l'amaranto è stato Filip Raicevic che si è accasato ai polacchi dello Sląsk Wrocław. La sua partenza aveva fatto illudere i tifosi nell'arrivo di un nuovo attaccante in grado di garantire quel bottino di reti che finora era mancato. La punta punta è sì arrivata, ma Franco Ferrari, prelevato dal Bari, in 14 presenze con i pugliesi in C ha messo a segno la miseria di un gol. A tutto questo aggiungiamoci il fatto che in serie B ha disputato soltanto quattro presenze con il Brescia. A centrocampo serviva gente pronta, capace di sopperire alle precarie condizioni fisiche di Viviani e Rizzo. È arrivato Theophilus Awua di cui si parlerà pure un gran bene, ma la serie cadetta non l'ha mai vista. A questo bisogna aggiungere che Jacopo Dall'Oglio, dato per sicuro, non ha superato le visite mediche e Giuseppe Rizzo, con cui era stato trovato l'accordo con il Catania, all'ultimo ha preferito restare in Sicilia. E gli altri due nuovi? Mattia Trovato negli ultimi due anni al Cosenza ha giocato tre partite per un totale di 123 minuti. Moustapha Seck invece in questa stagione non ha ancora messo piede in campo visto che era fuori rosa alla Roma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda le cessioni, Raicevic, ormai fuori dai piani di Tramezzani, si è accasto in prestito al Sląsk Wrocław. Agostino Rizzo, voglioso di giocare con maggiore continuità, è stato ceduto all'Avellino. Queste due partenze non hanno colto nessuno di sorpresa, a differenza di quanto successo con Gasbarro e Gonnelli. Il primo, nonostante le parole di Spinelli e il veto posto da Tramezzani, è stato ceduto in prestito al Pordenone. Il secondo in un primo momento sembrava dovesse finire al Bari, ma poi è stato spedito in prestito con diritto di riscatto all'Alessandria. Due scelte, queste, senza senso visto che così facendo si priva Tramezzani di due pedine importanti in una retroguardia che, come più volte dimostrato, sta facendo acqua da tutte le parti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, è morto Paolo D’Ercole: ex portiere di calcio e dipendente Aamps, aveva 69 anni

  • Coronavirus, un morto a Cecina e 35 nuovi casi tra Livorno e provincia: il bollettino di lunedì 30 marzo

  • Coronavirus, lo studio: Toscana ultima regione italiana a fermare la diffusione dei contagi

  • Coronavirus, tre morti e 16 nuovi positivi tra Livorno e provincia: il bollettino di domenica 29 marzo

  • Dall'alluvione alla lotta contro il Coronavirus: nel video "La forza di Livorno" si racconta come lotta la città

  • Coronavirus Livorno, ecco come richiedere il buono spesa. Salvetti: "Disponibile per il weekend"

Torna su
LivornoToday è in caricamento