Livorno, l'appello ai tifosi del club il Campanile: "Basta polemiche, col Benevento tutti allo stadio"

L'invito di Nedo Di Batte, storico tifoso amaranto e presidente del club, a riempire i gradoni del Picchi contro la capolista Benevento. Ma la Curva Nord sarà in contestazione

L'esonero di Breda, l'arrivo di Paolo Tramezzani, il duro sfogo in tv dell'amministratore delegato Roberto Spinelli, la tifoseria spaccata. È un inizio settimana convulso quello in casa Livorno, atteso sabato prossimo 14 dicembre dal match interno contro la capolista Benevento, esordio che più difficile non si può per il neo allenatore amaranto Tramezzani. Una partita complicata che gli amaranto dovranno affrontare senza il sostegno dei propri supporter più calorosi, ovvero i ragazzi della Curva Nord, in aperta contestazione con la famiglia Spinelli, mentre dal club il Campanile, attraverso le parole del presidente Nedo Di Batte, arriva l'invito a riempire gli spalti dell'Armando Picchi e abbandonare le polemiche in questo momento così delicato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Livorno, la contestazione della curva Nord: "Basta Spinelli"

Club il Campanile: "Tutti allo stadio, non è tempo di polemiche"

"Cari tifosi, sabato arriva la capolista Benevento e il nostro amato Livorno che avrà una nuova guida tecnica in Paolo Tramezzani, è chiamato a una sfida dai toni, calcisticamente parlando, drammatici - dice Nedo Di Batte, storico tifoso amaranto e presidente del club il Campanile -. E quindi avrà bisogno di uno stadio pienocaloroso e partecipato degno della nostra tradizione. Non è tempo di polemiche, è tempo di lottare e metterci l'anima e il cuore tutti. In primis i calciatori, che invitiamo a dimostrare che l'ultimo posto in classifica non rispecchia il loro valore, cosa di cui siamo convinti. Cosi come siamo convinti che la sterzata e la scossa data dalla società potrà dare i frutti sperati, anche perché Tramezzani è un profondo conoscitore di calcio, oltreché un formidabile motivatore. Facciamo in modo che sabato si chiuda un campionato e se ne apra un altro in linea con il valore della squadra e delle nostre aspettative. Alé Livorno, sempre!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Livorno, morto il primo paziente risultato positivo al Covid-19: aveva 55 anni, era ricoverato da 25 giorni

  • Coronavirus Livorno, file ordinate ai supermercati e spesa a domicilio: ecco i negozi che consegnano a casa

  • Coronavirus, è morto Paolo D’Ercole: ex portiere di calcio e dipendente Aamps, aveva 69 anni

  • Coronavirus: 12 nuovi positivi a Livorno, 224 in Toscana. Il bollettino di venerdì 27 marzo

  • Coronavirus, un morto a Cecina e 35 nuovi casi tra Livorno e provincia: il bollettino di lunedì 30 marzo

  • Coronavirus, tre morti e 16 nuovi positivi tra Livorno e provincia: il bollettino di domenica 29 marzo

Torna su
LivornoToday è in caricamento