Meloni: "La contestazione del 2018? Quattro scemi figli di papà, Livorno non è questa"

La leader di Fratelli d'Italia, in città per sostenere la candidatura a sindaco di Andrea Romiti, torna sugli episodi dello scorso anno: "La città è altro, non abbiate paura di votare a destra"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Un centinaio di simpatizzanti, qualche curioso e nessun contestatore, fatta eccezione per qualche singolo che non è riuscito a trattenere un "tornate a casa vostra, non vi vogliamo". La visita di Giorgia Meloni venerdì 3 maggio a Livorno, in città per sostenere il candidato sindaco del centrodestra Andrea Romiti, si è svolta in un clima sereno, grazie anche all'imponente servizio d'ordine organizzato dalla questura di Livorno, senza nessun episodio che potesse mettere a rischio l'ordine pubblico.

Una situazione decisamente diversa da quando, nel febbraio 2018, Giorgia Meloni venne pesantemente contestata da alcuni esponenti dei centri sociali in occasione del tour elettorale della leader di Fratelli d'Italia per le elezioni politiche dello scorso anno. "Ma io faccio politica da tanti anni - ha detto Meloni - e conosco perfettamente queste situazioni dalle quali non mi faccio certo intimorire. Livorno non sono i quattro scemi figli di papà dello scorso anno, Livorno è tutta un'altra cosa".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Romiti: "Salvini a Livorno? Viene per il ballottaggio, se non vinciamo prima"

  • Video

    Elezioni 2019, l'appello al voto di Ina Dhimgjini

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni 2019, l'appello al voto di Luca Salvetti

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni 2019, come i livornesi si preparano al voto di domenica 26 maggio

Torna su
LivornoToday è in caricamento