Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, "Il mondo che vorrei dopo la quarantena": sogni e speranze nel video degli studenti delle scuole medie Bartolena

Dalla alla riscoperta dei piccoli gesti a una maggiore consapevolezza: ecco le aspettative dei ragazzi

 

Sara, Valeria, Elissa, Luca, Giorgia, Vanessa, Alessia frequentano le scuole medie "C. Bartolena" e, con il supporto delle insegnanti Laura e Serenella, hanno realizzato un video per raccontare come vorrebbero il mondo dopo il coronavirus. Un momento delicato che ha toccato particolarmente bambini e ragazzi, costretti da un giorno all'altro a rinunciare a scuola, amici, nonni e insegnanti, e che nel reinventarsi una nuova quotidianità hanno scoperto il valore delle cose semplici.

I ragazzi delle Bartolena: "Dopo il coronavirus ci aspetta un mondo migliore"

"Il mondo dopo il coronavirus sarà un mondo migliore", "le persone saranno più gentili", "il mondo ripartirà con più energia per recuperare il tempo perso", "per la prima volta siamo tutti nella stessa situazione". Ne sono convinti i ragazzi protagonisti del video "Dopo il coronavirus il mondo che vorrei", realizzato all'interno del progetto "Walk the global walk", nato con l'intento di rafforzare i rapporti e le partnership tra autorità e comunità locali creando un quadro educativo comune e volto a supportare e promuovere la consapevolezza degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

"Ritorneranno baci e abbracci", è la loro previsione per il futuro, "Io spero che l'uomo viva la propria vita con più consapevolezza", è il pensiero che i ragazzi delle Bartolena esprimono, distanti ma uniti. "Quello che sembrava noioso, quasi mi manca. La scuola." Dicono stringendosi in un abbraccio virtuale, intorno a quell'albero simbolo di vita e rinascita, che Alessia continua a disegnare.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LivornoToday è in caricamento