Cake Star a Livorno, Cristiani racconta il successo: "Bellissima esperienza. La dedica? A staff e clienti"

Federica Garaffa, moglie del titolare, ha rappresentato il locale di via di Salviano su Real Time: "Ricevuto critiche costruttive, ma la Torta Cavour non la cambieremo mai"

la famiglia Cristiani

La pasticceria Cristiani è ufficialmente la Cake Star di Livorno, incoronata al termine di una sfida agguerrita a colpi di sacher, meringati e bignè alla crema con Manalù Bakery LabCerretini. Un terzetto di tutto rispetto che ha raccontato, attraverso tre modi diversi di intendere la pasticceria, le eccellenze della nostra città. Una vittoria importante, quella di Cristiani, che Federica Garaffa, titolare col marito Sergio Cristiani, dedica a tutto lo staff e ai clienti che da decenni scelgono la pasticceria di via di Salviano. "Ogni volta che un cliente entra in negozio per noi è una gioia - racconta Federica -. Ringrazio tutti per i tantissimi complimenti con cui ci hanno inondato, ma soprattutto per il sostegno quotidiano e la fiducia che ripongono in noi".

Federica, ti aspettavi di vincere la puntata? Conoscevi i tuoi sfidanti Luca di Manalù e Riccardo di Cerretini?
"Fino al momento della registrazione non sapevamo contro chi ci saremmo scontrati, l'abbiamo scoperto al momento della prima sfida. Comunque conosco l'attività sia di Luca che di Riccardo. La sfida l'ho vissuta con spirito combattivo, ma con serenità perché per noi comunque ogni prova è una sfida, non abbiamo la presunzione di essere i migliori ma lavoriamo per ottenere i risultati migliori. Mi sono davvero divertita durante le registrazioni, con Luca e Riccardo abbiamo riso e scherzato in un clima tranquillo. È stata una bella esperienza per noi pasticceri, ma anche per Livorno che ha tante eccellenze che devono essere messe in risalto".

C'è stato qualcosa che ti ha deluso, un giudizio, un comportamento?
"Sapevo che avremmo ricevuto delle critiche, ero preparata. Alcune sono state costruttive e altre invece sono state fatte solo per screditarci, ma anche la strategia fa parte del gioco. Non sono d'accordo con Riccardo che ha criticato il pezzo forte, la nostra Torta Cavour, chiedendo una rivisitazione. È una critica concettualmente sbagliata perché quel dolce è volutamente uguale a se stesso dal 1961, anno in cui mio suocero Antonio lo ideò, portando per la prima volta a Livorno i dolci con la panna. È stato all'epoca un dolce rivoluzionario, è un simbolo di innovazione che non modifichiamo volutamente".

Dalla Torta Cavour alla Torta Ginevra, creata appositamente per CakeStar e dedicata alla più piccola di casa...
"La famiglia è il motore della nostra azienda. La passione per questo lavoro non ci fa sentire il sacrificio, e l'amore verso la famiglia fa il resto. Anche i nostri dipendenti ne fanno parte visto che ci sono persone che lavorano qui da quarant'anni ed è grazie a loro che abbiamo vinto questa sfida". 

Con l'ingresso in azienda dei tuoi figli, Lorenzo e Sara, siete arrivati alla quarta generazione di Cristiani. Una tradizione forte che, però, non tralascia l'innovazione. 
"Abbiamo grandi progetti per il futuro. Lorenzo, che sta per concludere l'Accademia di pasticceria, porta avanti un percorso di ricerca sui dolci e abbiamo appena registrato il marchio Cristiani perché stiamo creando una piattaforma online per la vendita dei nostri prodotti. Cristiani è un'istituzione a Livorno e ci piacerebbe esportare i nostri dolci d'eccellenza, a partire dalla schiacciata alla livornese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Piombino, muore a 48 anni davanti alla compagna mentre fa trekking

  • Serie C, Grosseto-Livorno 1-0: Sicurella beffa gli amaranto nel recupero

  • Coronavirus: 108 positivi e 10 morti tra Livorno e provincia, 1.351 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di giovedì 26 novembre

  • Coronavirus: 174 positivi e 5 morti tra Livorno e provincia, 1.892 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di sabato 21 novembre

  • Caos Livorno, Sicrea sul gruppo Carrano: "Non ha ancora pagato le nostre quote, restano 48 ore"

  • Coronavirus: 115 positivi e 2 morti tra Livorno e provincia, 1.929 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di domenica 22 novembre

Torna su
LivornoToday è in caricamento