rotate-mobile
Attualità

Circo Millennium, a Livorno lo spettacolo senza animali: "Proporre qualcosa di nuovo per non morire"

Novità assoluta per la compagnia gestita dalla famiglia Coda Prin, in città dal 21 al 30 gennaio

Arriverà a Livorno il prossimo venerdì 21 gennaio con "Italian Emotions" il Circo Millennium. Uno spettacolo che, come suggerito dal titolo, vedrà come protagonisti artisti quasi interamente italiani e che, per la prima volta, non vedrà la presenza di animali. Una scelta, quella maturata da Roberto Coda Prin e dai figli Elvis, Elise, Virna e Derek, gestori del circo, finalizzata a rilanciare un settore messo a dura prova dalle perdite economiche causate dalla pandemia rispettando, allo stesso tempo, le linee di pensiero degli animalisti. "In un periodo particolare come questo, abbiamo deciso di offrire al nostro pubblico qualcosa di diverso cercando di venire incontro alle esigenze di tutti", ha affermato Derek Coda Prin.

Circo Millennium, in città arriva lo spettacolo "Italian Emotions": come avere i biglietti scontati

Fino al 30 gennaio, ultima data utile per assistere allo spettacolo in città (il tendone sarà allestito nel parcheggio del Modigliani Forum), sarà quindi possibili ammirare i tradizionali clown, giocolieri e trapezisti con l'esibizione di alcuni degli artisti più rinomati a livello nazionale, senza però l'utilizzo in alcun modo degli animali.

Derek Coda Prin: "Artisti quasi solo italiani e nessun animale, ecco le nostre novità"

"Il nostro spettacolo - ha spiegato Derek Coda Prin - è caratterizzato dall'esibizione di tanti bravi artisti, gran parte dei quali provenienti dal nostro Paese: eccezion fatta per alcuni trapezisti brasiliani e ungheresi che si cimenteranno nel triplo salto mortale, l'intero staff sarà infatti composto da italiani. Quest'anno abbiamo deciso di valorizzare quelli che sono i nostri talenti, così da contribuire alla ripresa del settore dopo lo stop imposto dalla pandemia. Siamo stati fermi per ben diciassette mesi ed abbiamo ripreso con gli spettacoli solamente ad ottobre, con l'impennata attuale di contagi che, di certo, non agevola il nostro lavoro".

"Abbiamo deciso di fare uno spettacolo diverso dal solito, senza l'utilizzo di animali - ha aggiunto -. Sono tanti i fattori concatenanti che ci hanno spinto verso questa scelta, tra cui quella di rispettare il pensiero degli animalisti. Anche questa è una novità, che abbiamo adottato proprio in questo tour. In un periodo come questo, con il lavoro che stava riprendendo ma che rischia di essere nuovamente frenato dall'alto numero di contagi che si leggono quotidianamente nei bollettini, era necessario proporre qualcosa di nuovo. I bambini hanno bisogno di divertirsi e svagarsi, a maggior ragione oggi. Cosa mi aspetto dal 2022? Una vera ripresa, altrimenti il nostro settore andrà a morire".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Circo Millennium, a Livorno lo spettacolo senza animali: "Proporre qualcosa di nuovo per non morire"

LivornoToday è in caricamento