Attualità

Corridoio Tirrenico, la richiesta della Regione: "Inserire l'opera nel decreto semplificazioni"

Il presidente Giani e l'assessore alle Infrastrutture Baccelli: "La Toscana costiera merita di avere una strada di grande comunicazione a 4 corsie"

Il presidente della Toscana, Eugenio Giani, e l'assessore alle Infrastrutture, Stefano Baccelli, hanno chiesto, nel corso di un'audizione alla Camera dei deputati, che il "Corridoio Tirrenico" venga faccia parte delle opere che verranno inserite nel Dpcm ex legge 120 del 2020 (legge semplificazioni), cui è demandato il compito di individuare gli interventi infrastrutturali sottoposti a commissariamento. Questo progetto infatti viene considerato strategico a livello nazionale e in Toscana c'è una totale condivisione di tutti gli enti rappresentativi, sia territoriali che regionali e governativi.

Nelle opere già contemplate in Toscana ci sono: la realizzazione della Darsena Europa a Livorno, il completamento del raddoppio Pontremolese e il completamento della E78 Grosseto-Fano. Ora la Regione chiede un ulteriore sforzo al Governo: "Il completamento del 'Corridoio Tirrenico' - spiega Baccelli - può a pieno titolo essere inserito tra le grandi infrastrutture per le quali si rende necessaria la nomina di un Commissario o di una struttura commissariale, con l'obiettivo di velocizzare gli iter ed arrivare presto alla realizzazione dell'opera. La Toscana costiera deve essere finalmente dotata di una strada di grande comunicazione a quattro corsie, adeguata a sostenere le esigenze della popolazione e delle imprese, colmando una lacuna che da troppo tempo pesa sulla mobilità e sull'economia di quell'area. Se questi Commissariamenti saranno la via per velocizzare la realizzazione di grandi infrastrutture italiane rimaste stagnanti, il Corridoio Tirrenico deve assolutamente entrare a far parte di quell'elenco". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corridoio Tirrenico, la richiesta della Regione: "Inserire l'opera nel decreto semplificazioni"

LivornoToday è in caricamento