Medici di famiglia, in pensione Enrico Bianchi: "Non avrei voluto, questo è il momento peggiore per lasciare"

Settanta anni il prossimo 12 maggio, il dottore e consigliere comunale Pd lascia la professione dopo 45 anni di servizio: "Avrei preferito restare o affidare i pazienti a qualche giovane, ma non ci sono sostituti. Il Coronavirus? Servono test a tappeto, i casi sono molti di più"

Non sarebbe stato facile comunque lasciare dopo 45 anni di onorato servizio, figuriamoci in questo periodo che è "il peggiore per andare in pensione". Ma tant'è, il prossimo 12 maggio Enrico Bianchi, veterano tra i medici di famiglia livornesi, compirà 70 anni e, come da legge, dovrà andare in pensione per raggiunto limite di età. "Non proprio il periodo migliore - racconta Bianchi a LivornoToday - ma di certo non abbandonerò i miei pazienti dal primo maggio. Continuerò ad assisterli fino a quando ci sarà bisogno e, se dovesse servire, sono pronto a rimanere e dare una mano".

Bianchi: "Non ci sono medici, dispiace dover lasciare in questo periodo"

Consigliere comunale in quota Pd, già presidente del Consiglio, Bianchi è tra i massimalisti che hanno in carico 1500 pazienti. "Il problema è che dovrò fare il cosiddetto 'spezzatino' - spiega - anziché affidarli tutti a un giovane che avrei affiancato per qualche mese o il tempo necessario per spiegare le diverse patologie delle persone in cura. E invece di medici non ce ne sono, un problema che avevo già sottoposto da tempo alla Regione Toscana". 

Coronavirus, lo studio: Toscana ultima regione italiana a fermare la diffusione dei contagi

"Continuerò a seguire i miei pazienti finché ce ne sarà bisogno"

"Più che carenza di medici, a mancare sono gli specialisti, soprattutto in medicina generale, con le poche borse erogate da Stato e Regione e il numero chiuso nel triennio formativo post università che non garantisce il ricambio generazionale. "Avrei preferito lasciare in altra maniera - continua - d'altronde bisogna adeguarsi. Ad ogni modo ribadisco: qualora fosse confermato che il 30 aprile debba andare via, non staccherò certo il telefono: non è nel mio carattere, continuerò a rispondere e ad andare in ambulatorio, ad essere disponibile. Anche solo per dare consigli".

Coronavirus Toscana, test sierologici su 400mila persone: priorità ai lavoratori più a rischio 

"Coronavirus? Periodo difficile, servono test sierologici a tappeto"

E che il momento per lasciare non sia dei migliori, lo si deve certamente anche all'emergenza sanitaria: "Periodi difficili ne abbiamo avuti senz'altro - continua Bianchi -, ma questo è sicuramente il più duro, per l'impegno della patologia e per la novità della patologia. Sono anche convinto che se si facessero esami di sangue a tappeto, come adesso si dice che verranno fatti, i casi sarebbero decisamente in numero superiore. E a posteriori posso dire che qualche brutta broncopolmonite vista già a fine gennaio fosse legata al Coronavirus".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se questo è indubbiamente il periodo più difficile, molte sono però le soddisfazioni raccolte in 45 anni di professione: "Gratificazioni? Tante - conclude Bianchi -. Molti pazienti sono diventati amici, con alcuni di loro siamo cresciuti insieme e si è instaurato un bellissimo rapporto che va oltre la professione. Tutto questo non terminerà con il pensionamento. Due, invece, le cose che mi hanno maggiormente disturbato: la burocrazia, davvero troppa, e le persone che non hanno voglia di lavorare. Ne ho viste diverse in tutti questi anni, per fortuna tra i miei pazienti la lista non è lunghissima"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estate 2020, slittano le riaperture dei bagni: "Troppe incognite, poco tempo per organizzarsi". A rischio la stagione ai Fiume

  • Baracchina Rossa multata, lo sfogo del titolare e le scuse dal sindaco: "Siamo esasperati". Salvetti: "Non lucreremo sui livornesi"

  • Truffe internazionali nella vendita delle case, 28 i casi a Livorno: quattro arresti, sequestrate villa e auto di lusso

  • Mare, senza regole il buon senso non basta: Romito invaso dai bagnanti, criticità alla Cala del Leone e nei moletti

  • Coronavirus, il racconto di un livornese in Brasile: "Qui è il caos, contagio fuori controllo nelle favelas"

  • Romito, grave 15enne livornese recuperato in mare dopo caduta dagli scogli

Torna su
LivornoToday è in caricamento