rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Attualità

La polizia festeggia i 167 anni: "Sempre dalla parte dei cittadini"

Il questore Suraci ha ricordato il lavoro svolto dagli agenti e ha voluto omaggiare la memoria di Fabio Baratella, scomparso a fine gennaio

"Esserci sempre". Con questo motto la polizia di Livorno ha festeggiato, nella mattina del 12 aprile, il suo 167esimo compleanno. Le celebrazioni sono iniziate con la deposizione di una corona di alloro, da parte del questore Lorenzo Suraci, alla lapide collocata all’ingresso della sede della questura di via Fiume che ricorda tutti gli agenti caduti mentre svolgevano il loro lavoro. I festeggiamenti per la ricorrenza si sono poi spostati al Centro Convegni “Palazzo Pancaldi” in viale Italia (in fondo all'articolo potete trovare l'elenco dei premiati e il discorso integrale del questore). Qui, alla presenza delle autorità civili e militari, il questore ha premiato gli agenti che si sono distinti nel corso dei diversi servizi per la tutela dei cittadini. Il momento più commovente è stato senza dubbio quando il questore ha consegnato un attestato al figlio di Fabio Baratella, il poliziotto morto in un incidente stradale a fine gennaio. Dalla folla presente è partito un caloroso applauso come segno di rispetto verso l'agente scomparso. 

Celebrazioni del 167° anniversario della Polizia

Il questore infine ha voluto rendere omaggio al lavoro della polizia: "Il motto 'esserci sempre' racchiude perfettamente il vostro lavoro: essere sempre al servizio della comunità ed aiutarla quando la difendiamo dai criminali sia quando ha bisogno di soccorso in occasione di pubbliche calamità. I numeri delle operazioni svolte dagli agenti sono ottimi ma è giusto ricordare che dietro questo lavoro vi è l’impegno, il sacrificio delle donne e degli uomini della Polizia di Stato, di tante domeniche e giorni di festa trascorsi al lavoro. A tutti voi va la mia riconoscenza". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia festeggia i 167 anni: "Sempre dalla parte dei cittadini"

LivornoToday è in caricamento