menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto screenshot RaiPlay)

(foto screenshot RaiPlay)

Ultimo concerto, il grido disperato dei Live Club sul palco del Festival di Sanremo: "Senza di noi le città sono più brutte e vuote"

All'Ariston l'esibizione de Lo Stato Sociale con i rappresentanti del mondo dello spettacolo, tra i quali anche Toto Barbato del The Cage: "Sospesi, non sappiamo quando riapriremo"

"Alcatraz, Milano, aperto nel 1997 chiuso a febbraio 2020. E non sappiamo quando riaprirà". "Teatro dell'Angelo, Roma, aperto nel 1994. Chiuso. Per sempre". "Cinema Iris, Messina, non sappiamo quando riaprirà". E ancora: "Negli anni Novanta un musicista a Livorno apre il Cage perché, dice, le città senza i live club sono più brutte e vuote. E non sappiamo quando riaprirà". Suona così la protesta dei live club sul palco del Festival di Sanremo nella serata di giovedì 4 marzo.

Ultimo Concerto, 130 palchi si riaccendono in streaming: Zen Circus live dal Cage, Bobo dal Borderline di Pisa

All'Ariston, al termine dell'esibizione de Lo Stato Sociale, il frontman Lodo Guenzi attacca con l'elenco simbolico dei locali chiusi cui Emanuela Fanelli e Francesco Pannofino aggiungono quello dei teatri e dei cinema. È il grido disperato del mondo della cultura e dello spettacolo, dei lavoratori che da un anno sono fermi, hanno già cessato la propria attività o continuano a resistere nella drammaticità di un futuro senza certezza. Sul palco anche Toto Barbato (The Cage), in rappresentanza di Ultimo Concerto, che denuncia insieme agli altri la condizione dei live club: "Sospesi, non sappiamo quando riapriremo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Maltempo, tromba marina davanti alla Terrazza Mascagni: le foto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LivornoToday è in caricamento