rotate-mobile
Attualità

Sanità in lutto, addio al dottor Paolo Lucarelli: "Amico generoso e lavoratore formidabile"

Specializzato in psichiatria e grande amante delle moto, avrebbe compiuto 68 anni il 27 ottobre

"Un amico e una persona formidabile nel suo lavoro". Così l'ex garante dei detenuti di Livorno, Giovanni De Peppo, ricorda il dottor Paolo Lucarelli scomparso ieri, domenica 22 ottobre, a 67 anni (ne avrebbe compiuti  68 tra 5 giorni). Laureatosi a Pisa nel 1985, cinque anni più tardi si era specializzato in psichiatria diventando un punto di riferimento nel settore. Oltre al lavoro, un'altra sua grande passione erano le moto e i viaggi come testimoniato dalle tantissime mete visitate nel corso degli anni: Spagna, Georgia, Francia, Polonia. La sua scomparsa lascia un vuoto che sarà difficilmente colmabile in tutte quelle persone che avevano avuto la fortuna di conoscerlo. Domani, martedì 24 ottobre, alle 11 il trasferimento dalla morgue dell’ospedale di Livorno al cimitero dei Lupi. 

"Per me è stato un amico sincero - scrive su Facebook De Peppo ricordando Lucarelli -, sempre vicino, mi ha sempre cercato anche quando eravamo lontani nelle nostre posizioni e convinzioni sul lavoro e anche in politica, come i veri amici sanno fare. Generoso, sempre attento, formidabile nel suo lavoro, il suo solo apparente distacco dalle complesse situazioni dei suoi pazienti diventava altresì una necessaria condizione per cercare insieme ad essi la giusta terapia. Oggi sono più solo, siamo più soli noi, suoi amici anche per le sue contagiose passioni per la musica di raffinata qualità e ascolto, per le sue moto e per le sue straordinarie e contagiose bizzarrie". 

Parole condivise anche dalla dottoressa Paola Guglielmi, direttrice della Salute Mentale Adulti di Livorno:  "Conoscevo Paolo dai tempi della specializzazione in psichiatria che abbiamo condiviso presso l’Università di Pisa, già allora si era distinto per il suo amore per la psichiatria e la sua simpatia; è stato un bravo medico molto interessato alla ricerca e alla formazione continua spesso anche come docente. Sul piano relazionale è stato molto legato ai suoi pazienti con i quali ha sempre avuto un rapporto molto empatico. Ha quasi subito iniziato a lavorare presso la Salute Mentale Adulti di Livorno, in particolare al CSM Poggiali dove è rimasto fino a qualche settimana fa, manifestando grande dedizione e attaccamento al Servizio ma anche  una particolare disponibilità nelle relazioni di colleganza tanto da diventare un punto di riferimento per tutti. E’ stato una persona estroversa, poliedrica e ironico e ha sempre avuto un approccio pacato e rispettoso nei confronti degli altri". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità in lutto, addio al dottor Paolo Lucarelli: "Amico generoso e lavoratore formidabile"

LivornoToday è in caricamento