Coronavirus | Sarsa Verde lancia la "pizza sospesa", cena gratis per chi è in difficoltà: "Proviamo a regalare un sorriso"

La proprietaria del ristorante sul lungomare ha deciso di regalare a chi non può permetterselo una pizza calda: "Mi sono arrivate già alcune richieste, cercheremo di soddisfarle tutte"

Dal forno a legna del ristorante Sarsa Verde alla tavola di chi non può permettersi, in questo momento drammatico, di ordinare neppure una pizza a domicilio. È l'iniziativa solidale di Michela Marinari, comproprietaria della pizzeria sul lungomare, che regalerà una cena gratuita ad alcune famiglie in precarie condizioni economiche. "L'idea mi è venuta parlando con alcune persone che sono veramente in difficoltà economica - racconta Michela - e sono scoppiate in lacrime perché non potevano permettersi neanche di ordinare una semplice pizza, in quel momento mi si è aperto il cuore. Ho pensato che anche se in questo momento lavoriamo veramente poco, c'è anche chi sta peggio. Bisogna aiutarci tra noi, soprattutto in questo periodo".

Il servizio è partito già da ieri sera, venerdì 20 novembre, con le prime prenotazioni: "Abbiamo avuto già quattro richieste - continua Michela - e le abbiamo soddisfatte tutte, sia con l'asporto che con la consegna a domicilio. Non chiediamo nessun contributo economico, è tutto gratuito". 

Sarza Verde: "Ecco com'è nata l'idea della 'pizza sospesa'"

Michela Marinari

La solidarietà di Michela ha contagiato anche altre persone che, dopo aver letto il suo post su Facebook, hanno deciso di aderire alla "pizza sospesa". "Mi hanno chiamata tante persone che hanno lasciato delle pizze pagate per chi non può permetterselo. Faremo poi un salvadanaio per chi vuole contribuire. L'importante è riuscire a regalare un sorriso e un minimo di felicità a tavola e nelle case delle persone in questo momento".

E anche le condivisioni sono state tantissime: "Ringrazio tutti - conclude Michela - e soprattutto Ottone Sante, il proprietario del Pizzino che mi ha scritto subito e vorrebbe anche lui unirsi a questa iniziativa". La speranza adesso è che in tanti aderiscano alla nostra iniziativa per rafforzare questa rete di solidarietà e mantenere viva una bella idea che scalda il palato e anche il cuore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Piombino, muore a 48 anni davanti alla compagna mentre fa trekking

  • Coronavirus: 108 positivi e 10 morti tra Livorno e provincia, 1.351 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di giovedì 26 novembre

  • Serie C, Grosseto-Livorno 1-0: Sicurella beffa gli amaranto nel recupero

  • Coronavirus: 174 positivi e 5 morti tra Livorno e provincia, 1.892 nuovi casi in Toscana. Il bollettino di sabato 21 novembre

  • Caos Livorno, Sicrea sul gruppo Carrano: "Non ha ancora pagato le nostre quote, restano 48 ore"

  • Coronavirus, meno contagi con più tamponi: 57 positivi tra Livorno e provincia, 962 in Toscana. Il bollettino di martedì 24 novembre

Torna su
LivornoToday è in caricamento