rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Attualità

Tumore al seno, all'ospedale di Livorno al via una nuova sperimentazione medica: "Una grande opportunità"

Verrà usato il farmaco Trastuzumab Deruxteca. L'oncologo Luigi Coltelli: "I dati ad oggi hanno dimostrato un vantaggio in sopravvivenza"

Il farmaco Trastuzumab Deruxtecan, che ha cambiato il modo di trattare il tumore della mammella metastatico HER2-neu iperespresso, è a disposizione dell'oncologia medica dell'ospedale di Livorno nell'ambito di una sperimentazione clinica rivolta alle pazienti con diagnosi di tumore della mammella in fase iniziale. "Questa grande opportunità data alle nostre pazienti – spiega Luigi Coltelli, oncologo livornese e coordinatore del gruppo aziendale che si occupa di terapia medica per questa patologia – è dovuta al fatto che il nostro centro è coordinatore a livello nazionale dello studio di fase III 'Internazional Destiny Breast 11' rivolto a particolari pazienti, ovvero quelle definite tecnicamente come candidate a chemioterapia primaria per tumore della mammella iperesprimenti HER2-neu".

"Grazie a questa opportunità - continua il dottore - possiamo utilizzare il farmaco, in modalità random, anche in fase pre-operatoria, cosa che non è ancora possibile in centri non sede della sperimentazione. Solo i risultati finali ci diranno se il nuovo trattamento è migliore rispetto alla terapia standard, ma quel che è certo è che al San Antonio Breast Cancer Symposium, il più importante congresso mondiale sul carcinoma mammario da poco conclusosi in Texas, gli ultimi studi sembrano delinearlo come farmaco estremamente promettente per quel tipo di tumore". 

Tumore al seno, cos'è il farmaco Trastuzumab Deruxtecan

Il Trastuzumab Deruxtecan appartiene alla nuova classe dei cosiddetti ADC, ovvero farmaci che legano il chemioterapico (in questo caso il Deruxtecan) ad un anticorpo (il Trastuzumab) in modo da riuscire a ottimizzare l'efficacia del trattamento stesso in quei pazienti che esprimono sulle membrane cellulari sulle cellule tumorali il recettore HER2-neu a cui si lega l'anticorpo.

"I dati ad oggi – conclude Coltelli – hanno dimostrato un vantaggio in sopravvivenza con una riduzione del rischio di morte di oltre il 30 per cento a 2 anni nelle pazienti con malattia in stadio avanzato, rispetto alla migliore terapia attualmente prescrivibile. Dati sicuramente importanti e che cambiano la nostra pratica clinica in questa tipologia di pazienti. Il farmaco è nella così detta classe CNN ed è attualmente prescrivibile nelle oncologie italiane attraverso una procedura particolare. Se nella malattia avanzata il farmaco è ormai una certezza, l'auspicio è che questo coniugato possa migliorare la prognosi delle pazienti in stadio iniziale di malattia che necessitano del trattamento medico prima della chirurgia, la così detta chemioterapia neoadiuvante o primaria". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumore al seno, all'ospedale di Livorno al via una nuova sperimentazione medica: "Una grande opportunità"

LivornoToday è in caricamento