Alimentazione: sette prodotti che non sapevi facessero ingrassare

Nella dieta bisogna prestare attenzione ai cosiddetti "falsi amici", i cibi che sembrano light ma che in realtà non fanno dimagrire

Quella per la linea, anche nella nostra città, è per molti una vera e propria ossessione. Alcuni alimenti, non a caso, vengono consumati con moderazione ed attenzione, visto il loro contributo svolto nel prendere peso: si pensi, ad esempio, a fritti, gelati o dolci. Vi sono però anche altri cibi che fanno ingrassare, malgrado molti non ne siano a conoscenza. Questi vengono definiti come "falsi amici" della dieta, in quanto, a causa di determinati fattori, ingannano il consumatore.

Ecco quindi una rassegna degli alimenti che favoriscono l'aumento di peso, imparando così a distinguere tra cibi sani e meno sani.

I falsi amici della dieta

  • Succhi di frutta. Contengono moltissimi zuccheri e, spesso, pochissima frutta. Se proprio non riuscite a farne a meno, scegliete prodotti che non contengano edulcoranti e che non siano ottenuti da concentrato (che ha il doppio delle calorie del frutto non trattato). In alternativa, potete provare a farli in casa senza aggiungere zucchero: otterrete così un prodotto più economico, più saporito e più sano.
  • Cereali e barrette. Il binomio yogurt-cereali potrebbe sembrare l'opzione più sana e leggera per la colazione, ma in realtà i cereali, essendo ricchi di zuccheri, grassi idrogenati, grassi vegetali di scarsa qualità e conservanti, fanno ingrassare. Per un'alternativa salutare e home made, provate questa ricetta: mescolate insieme 100 gr di avena, una manciata di riso soffiato, un po' di frutta secca mista tagliata a pezzi, 3 cucchiai di miele e 2 cucchiai di olio di semi di girasole. Spargete il composto su una teglia e infornate a 180° per una mezz'ora, mescolando il musli dopo 15 minuti.
  • Soia. Spesso non è biologica, poiché contiene OGM ed estrogeni responsabili di squilibri ormonali che fanno ingrassare. È meglio evitare anche lo yogurt di soia, in quanto ricco di zuccheri aggiunti. 
  • Frullati. Bere uno smoothie equivale a mangiare quattro o cinque porzioni di frutta con i rispettivi zuccheri, che alzano il carico glicemico.
  • Gomme e caramelle senza zucchero. Le caramelle senza zucchero sono un concentrato di dolcificanti artificiali ed edulcoranti, che risultano essere tossici nel lungo periodo.
  • Frutta candita e disidratata. A differenza della frutta secca, alimento ottimo e super energetico, la frutta disidratata, come anche quella candita, è dannosa per la linea. Il processo di essiccazione a cui è sottoposta può infatti far aumentare la quantità di zuccheri fino a tre volte, mentre la frutta candita ha una quantità elevatissima di zuccheri e oli. Meglio quindi prediligere frutta fresca e secca.
  • Cibi light e senza grassi. Per compensare la minor quantità di grassi e dare sapore, le industrie alimentari aggiungono zuccheri, sale e additivi a questi alimenti. Secondo uno studio condotto nel Regno Unito, il 10% dei cibi dietetici contiene le stesse calorie o addirittura di più di quelli normali e il 40% ha più zuccheri.

Nutrizionisti a Livorno

A Livorno sono presenti molti professionisti specializzati nella dieta e nell'alimentazione. Eccone alcuni le cui attività sono state recensite dagli utenti su Google:

Nutrizionista Livorno - Dott. Mattia Di Marco, Via dei Pelaghi, 13, Livorno

Nutrizionista Dott.ssa Gilardi Sara, Scali Manzoni, 33 Livorno

Nutrizionista Dott.ssa Pala Silvia, Via Marradi, 175, Palazzo Valerio, Livorno

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Isola d'Elba, avvistato lo "yacht più costoso del mondo": foto

  • Elezioni regionali, Toscana al voto | Exit poll, proiezioni e risultati definitivi: lo spoglio in diretta

  • Elezioni regionali, il voto in Toscana: preferenze a candidati e liste

  • Elezioni Toscana, la composizione del nuovo Consiglio regionale: al Pd 22 seggi, 9 alla Lega

  • Il Natale da Ghiomelli si farà, negozio pronto alla riapertura. Il titolare: "Dopo l'incendio tutta la città ci è stata vicina"

  • Scuola, vietato ammalarsi: il protocollo Covid "imprigiona" le famiglie. Le mamme: "Servono test più rapidi e meno invasivi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento