Calo glicemico: sintomi e trattamento

Scopriamo quali sono i segnali da non sottovalutare e come prevenirli

Foto MilanoToday

Per il benessere del nostro organismo, fondamentale è l'equilibrio tra glucosio (o zucchero) e insulina nel flusso sanguigno. Una necessità ben nota a coloro che hanno il diabete, i quali devono monitorarne costantemente i valori. Una quantità insufficiente di insulina, infatti, può far salire il glucosio a livelli allarmanti, mentre, al contrario, troppa insulina può causare ipoglicemia. Sono considerati bassi e pericolosi i livelli che scendono sotto i 70 milligrammi per decilitro.

Vediamo quindi quali sono i sintomi dell'ipoglicemia e quale è il trattamento consigliato.

I sintomi

I sintomi più diffusi sono mal di testa, tremori, sudorazione e fame. Ulteriori sintomi, più gravi, possono essere convulsioni, sonnolenza, confusione e incoscienza. È bene quindi prestare la massima attenzione a qualsiasi tipo di segnale.

Il trattamento

L'unico modo per confermare lo stato ipoglicemico è testarlo. Se si ritiene che il livello di zucchero nel sangue possa essere basso, prova a mangiare da 15 a 20 grammi di glucosio o carboidrati semplici, come mezza tazza di succo di frutta. Dopo circa 15 minuti, controlla di nuovo lo zucchero nel sangue. Se il livello di glucosio non è aumentato oltre 70 mg/dl, consumare altri 15-20 grammi di glucosio. Se i sintomi non vengono rilevati prima che un individuo perda conoscenza, qualcuno dovrà assumere il controllo della situazione. La perdita di conoscenza è più comune tra i soggetti inconsapevoli, una condizione in cui non ci sono sintomi di ipoglicemia. Potrebbe essere necessario iniettare glucagone, un ormone prescritto, che stimola il fegato a rilasciare glucosio nel sangue. C

Come aiutare le persone con il diabete

Le persone con il diabete possono vivere un calo dell'autostima e una sensazione di dipendenza dal prossimo. Anche i familiari, specialmente di bambini e ragazzi, vivono con preoccupazione l'eventualità di un'ipoglicemia, specialmente se notturna e quindi meno prevenibile. In questo senso, seguire in modo meticoloso la terapia con insulina e i farmaci flessibili che garantiscano una lunga durata d'azione è fondamentale per ridurre l'eventualità di ipoglicemie notturne. Un modo utile e pratico per convivere con una situazione delicata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in Fi-Pi-Li, livornese muore a 22 anni dopo lo schianto in moto

  • Coronavirus Toscana, impennata di nuovi casi: 61 positivi ma nessun ricovero in più. Il bollettino di domenica 9 agosto

  • Miss Livorno 2020, Elisa Giuffrida si aggiudica la prima tappa: tutte le premiate

  • Effetto Venezia e dintorni 2020, il programma della manifestazione. Salvetti: "Felici di aver investito per la città"

  • Calambrone, ritrovato il ragazzo scomparso nella mattinata di sabato 8 agosto

  • Coronavirus: due nuovi casi a Livorno, altri 9 positivi e un morto in Toscana. Il bollettino di martedì 4 agosto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento