rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Salute

Mascherine: come prevenire arrossamenti e irritazioni della pelle

I consigli per evitare spiacevoli conseguenze dopo averle indossate a lungo

Le mascherine, a causa dell'emergenza sanitaria che stiamo vivendo, sono ormai entrate a far parte delle nostre vite. Queste spesso, per motivi di lavoro, devono essere indossate per più ore consecutivamente: una circostanza che, soprattutto nelle persone con la pelle sensibile, può provocare arrossamenti e irritazioni, fino a sviluppare delle vere e proprie allergie.

Mascherine, le cause di arrossamenti e irritazioni

Arrossamenti e irritazioni possono essere provocati dallo sfregamento delle parti della mascherina direttamente a contatto con la pelle del viso, come elastici o bordi rigidi. Altra causa scatenante è la formazione di vapore o liquido all'interno della mascherina stessa: il sudore che si va a creare può infatti causare anche acne e dermatite seborroica. Meno frequenti, le allergie possono essere causate dal contatto con i materiali che compongono la mascherina e possono essere riconosciute da forti arrossamenti accompagnati da intenso prurito. 

Coronavirus, uso della mascherina: la guida completa

Come prevenire e curare arrossamenti e irritazioni

Prima dell'inizio di un turno di lavoro, gli esperti consigliano di applicare una crema barriera sulle zone soggette allo sfregamento. Dopo aver indossato per diverse ore la mascherina, è consigliabile intervenire su tutta l'area del viso interessata con una crema detergente che vada a togliere tutte le impurità, seguita da un prodotto idratante a base di Calendula o Camomilla, adatto alle pelli maggiormente sensibili. Nel caso si verifichi un allergia, invece, si consiglia di consultare un medico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mascherine: come prevenire arrossamenti e irritazioni della pelle

LivornoToday è in caricamento