Curare il prato in primavera: trucchi e consigli

Vediamo come rendere impeccabile l'erba del nostro giardino attraverso alcuni semplici accorgimenti

La primavera è la stagione ideale per trascorrere qualche ora in giardino. Questo deve essere ovviamente curato, prestando una particolare attenzione al prato: l'erba troppo alta o ingiallita può infatti trasmettere un senso di trascuratezza. Per renderlo impeccabile, basta avere costanza nella sua manutenzione e seguire alcuni semplici consigli.

Come tagliare l'erba

Lo sfalcio dell'erba, di buona regola, dovrebbe già iniziare a marzo, lasciando il taglio ad un'altezza di circa 4 cm. Durante i mesi più freschi bisogna ripetere l'operazione ogni 10 giorni: in questo modo si libera il prato dall'erba secca o ingiallita e si aiuta la ripresa vegetativa.

Con l'arrivo dei mesi più caldi lo sfalcio deve essere intensificato, in quanto l'erba, irrobustendosi,cresce più rapidamente: l'intervallo di tempo si aggira sui 6-7 giorni e si può abbassare il taglio fino a 3,5 cm.

Il consiglio è di usare il tosaerba durante le ore più calde e soprattutto quando il tappeto è completamente asciutto. Il terreno umido o da poco innaffiato potrebbe infatti essere soggetto ad avvallamenti.

Concimazione del prato

La concimazione serve ad aiutare l'erba a crescere e ad avere il caratteristico colore brillante. Deve essere effettuata ogni due settimane dopo aver tagliato l'erba ed è meglio usare il concime a lento rilascio, perfetto per evitare la formazione del muschio.

Irrigazione

Nei mesi primaverili, con il rialzo delle temperature, aumenta il rischio che il manto erboso si secchi ed ingiallisca: è quindi fondamentale provvedere alla sua irrigazione almeno una volta a settimana. L'intensità dell'acqua deve essere stabilita in base alle precipitazioni e al periodo. Fondamentale, poi, non dimenticare di bagnarlo la mattina presto o la sera, così da evitare che il caldo faccia evaporare l'acqua rendendo vana l'irrigazione.

Raccolta dell'erba

Ogni volta che si taglia l'erba, immancabilmente rimangono dei residui sulla superficie. Per eliminarli, è indispensabile l'utilizzo del rastrello: grazie alla sua conformazione, non solo mantiene pulito il prato, ma rimuove tutti quei detriti che si accumulano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se avete poco tempo libero ma non volete trascurare il prato, potete sperimentare la tecnica del mulching utilizzata sui campi da golf. Con le temperature più alte, tipiche del mese di maggio, le condizioni atmosferiche permettono al substrato di assorbire l'erba del prato senza avere danni. L'importante è che non superi il 30% dell'altezza dello stelo e che si utilizzi frequentemente il tosaerba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come riscaldare casa e proteggerla dal freddo

  • Risparmiare sulla bolletta dell'acqua: i consigli utili

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LivornoToday è in caricamento