rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Giardino

Piscina in giardino, interrata o fuori terra: quale scegliere

Vediamo vantaggi e svantaggi di ciascuna di queste due tipologie

L'arrivo della bella stagione coincide con la voglia di trascorrere maggior tempo all'aria aperta, concedendosi, perché no, un tuffo in mare o in piscina. Quest'ultima, per chi ha la fortuna di avere un giardino o un ampio terrazzo, può essere installata all'interno della propria proprietà, potendo scegliere tra quella interrata e quella fuori terra. Vediamo le caratteristiche delle due tipologie.

Piscina interrata

Per procedere all'installazione di una piscina interrata dobbiamo prima richiedere gli opportuni permessi. La normativa varia da regione a regione e, in alcuni casi, anche tra un comune e l'altro. Si consiglia quindi di informarsi direttamente presso l'ufficio tecnico del comune di appartenenza o rivolgersi ad un professionista per evitare errori.

Dopo aver ottenuto i permessi, possiamo passare alla fase di costruzione: i tempi, in questo caso, sono relativamente brevi e possono bastare tre o quattre settimane di lavori. Vediamo di seguito i diversi modelli disponibili.

Piscine in cemento armato

La piscina in cemento armato a sfioro rappresenta un grande classico. La sua costruzione deve essere affidata ad una ditta specializzata in quanto richiede molta precisione. Se progettata nel modo corretto, può resistere molto bene al tempo e all'usura.

Un altro vantaggio di questo tipo di piscina è la possibilità di personalizzarla liberamente sia per quanto riguarda la forma e le dimensioni sia per i rivestimenti. Piastrelle, PVC, pietra naturale e resine sono solo alcuni dei possibili materiali da utilizzare, l'importante è scegliere quello che rispecchia meglio i nostri gusti e il budget a disposizione: la sua costruzione, infatti, è una delle più costose soprattutto per quel che riguarda il montaggio e i lavori edili, che, allo stesso tempo, fanno lievitare anche i tempi di realizzazione.

Piscine in casseri di polistirolo

La piscina in casseri di polistorolo è caratterizzata da velocità di costruzione e costi ridotti, conservando comunque un buon livello di isolamento termico. Ciò è possibile in quanto la vasca è formata da blocchi di polistirolo vuoti realizzati in EPS (Polistirolo Espanso Sintetizzato) disposti l'uno sull'altro in cui inserire la rete metallica per accogliere la colata di cemento. I casseri di polistirolo possono essere sia curvi che dritti, ma la scelta della forma è limitata. Anche se in teoria si possono utilizzare tutti i rivestimenti, meglio ricorrere al PVC per evitare problemi.

Piscine in pannelli d'acciaio

Questo tipo di piscine sono caratterizzate da elevata resistenza e installazione rapida. È infatti sufficiente realizzare una soletta spessa circa 15 centimetri su cui montare i pannelli in acciaio zincato o inox a cui si aggiungono dei contrafforti per renderla autoportante. Negli ultimi anni si è riusciti a realizzare piscine con profondità e forme sempre diverse grazie ai pannelli che permettono di ottenere curvature differenti. Tra i materiali per il rivestimento, invece, c'è solo il PVC, che ne limita la personalizzazione.

Piscine in vetroresina

Formate da una struttura monoblocco o a due blocchi, permettono di scegliere le forme più varie a cui si aggiunge la rapidità di costruzione. Basta realizzare lo scavo e la soletta e appoggiare la vasca al suo interno senza la necessità di realizzare il rivestimento. I lavori sono pochi, con la maggior parte del costo che è dovuta alla vera e propria vasca, a cui si deve aggiungere anche il trasporto. Il materiale, inoltre, permette di essere personalizzato secondo i nostri gusti.

Piscine interrate: modelli, costi e a chi rivolgersi a Livorno

Piscina fuoriterra

Rispetto a quelle interrate, le piscine fuoriterra sono caratterizzate da un'installazione molto più semplice. Il più delle volte si opta per questa scelta quando si ha a disposizione un budget ridotto, se non possiamo effettuare scavi in giardino a causa di vincoli paesaggistici o, più semplicemente, se non siamo proprietari dell'immobile. Ecco quali sono i modelli disponibili sul mercato:

  • piscina con telaio portante: la struttura realizzata con tubolari in acciaio ancorata al terreno ospita al suo interno una vasca in PVC o poliestere, caratteristiche che la rendono molto resistente. Facili da montare e smontare, ma molto costose;
  • piscina rigida: la struttura è realizzata da pannelli rigidi in differenti materiali come acciaio, legno o acciaio rivestito in grado di ricreare l'effetto che preferiamo tra pietra e legno. Resistente alle basse temperature e a ogni tipo di agente atmosferico, può essere lasciata montata tutto l'anno. Può essere di medie e grandi dimensioni e ha una profondità di circa 120-130 cm;
  • piscina autoportante e gonfiabile: realizzata in PVC o poliestere, è economica in quanto si sostiene da sola, grazie al bordo gonfiabile, una volta riempita d'acqua. Il limite di questo modello è che solitamente è piccola e bisogna fare attenzione a non forare la camera d'aria;
  • piscina idromassaggio: perfetta per il giardino o il terrazzo, il vantaggio è quello di poterla utilizzare tutto l'anno in quanto in grado di scaldare l'acqua. Realizzata in PVC spalmato, resiste di più alle forature ed è dotata di idrogetti per avere le bollicine e creare l'effetto idromassaggio. Questo tipo di piscina non è particolarmente grande, solitamente è adatto per 2-4 persone al massimo.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piscina in giardino, interrata o fuori terra: quale scegliere

LivornoToday è in caricamento