rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Sicurezza

Proteggere le piante dal riscaldamento: i consigli

Vediamo quali accorgimenti mettere in pratica per non mettere a rischio la loro salute

Soprattutto in inverno, bisogna prestare un'attenzione particolare alla cura delle nostre piante. Il calore emanato dai termosifoni e gli sbalzi di temperatura sono infatti per loro nocivi, mettendone a rischio la sopravvivenza. Scopriamo quindi come tutelare la loro salute con alcuni semplici accorgimenti.

Termosifoni

Innnanzitutto è bene scegliere con cura dove posizionare le piante. Le piante grandi come il ficus benjamin, il tronchetto della felicità, la kenzia e il filodendro possono essere messe tranquillamente vicino al termosifone, in quanto amano il caldo. Quelle medie come anturio, spatifillo e azalea devono invece stare lontano dai caloriferi, poiché il caldo tende a far annerire le foglie.

Per quanto riguarda le piante piccole, non esiste una vera regola e molto dipende dalla tipologia. Mentre l'orchidea ama il caldo, piante grasse e begonie non riescono a sopravvivere in un ambiente secco.

Spifferi

Gli spiggeri sono tutt'altro che salutari per le piante. Se sono posizionate vicino alla finestra, occorre quindi posizionare il vaso in un cache-pot più grande rispetto a quello della pianta.

Per mantenerle al caldo, possiamo riempire gli spazi vuoti con polistirolo espanso e creare così un ambiente isolato. In alternativa,quando si aprono le finestre, meglio spostare le piante in un punto della stanza in cui non arriva l'aria diretta.

Se invece ci sono piccoli spifferi alla finestra, possiamo decidere di mettere dei paraspifferi, così da evitare la dispersione del calore e conseguenze dannose per le piante.

Innaffiare le piante

Quando i termosifoni sono accesi, l'aria tende a seccarsi di più e, di conseguenza, anche la terra all'interno dei vasi. Per capire quanta acqua dobbiamo versare, meglio tastare la terra nei vasi: se è chiara e polverosa, è arrivato il momento di innaffiarla.

Anche le foglie soffrono il caldo del termosifone. Per questo motivo, almeno tre volte a settimana è necessario nebulizzare le foglie con acqua non troppo fredda, così da evitare lo shock termico. Bagnare le foglie vale per la maggior parte delle piante, tranne per quelle grasse.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proteggere le piante dal riscaldamento: i consigli

LivornoToday è in caricamento