rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Utenze

Ecobonus, detrazioni fiscali e requisiti per riceverlo: la guida completa

Vediamo come accedere alle agevolazioni per gli interventi di riqualificazione energetica degli immobili

Grazie all'ecobonus è possibile usufruire di alcune detrazioni fiscali nelle spese finalizzate all'aumento dell'efficienza energetica dell'immobile. Nel dettaglio, è possibile detrarre dall'Irpef o Ires (Imposta sul reddito delle società) gli importi pagati per tali interventi. Vediamo di seguito tutto ciò che c'è da sapere

A quanto ammonta l'ecobonus

L'ecobonus, in questo 2022, ammonta a una detrazione pari al 50% oppure al 65%, ma i lavori di riferimento non devono andare oltre il 2024. Il bonus, inoltre, può essere diviso fino a 10 quote annuali, tutte dello stesso importo.

L'agevolazione è valida per:

  • la riduzione del fabbisogno energetico relativo al riscaldamento;
  • l'installazione dei pannelli fotovoltaici;
  • la sostituzione dei climatizzatori invernali;
  • il miglioramento termico dell'edificio.

Gli immobili per cui si può ottenere l'ecobonus

L'ecobonus, tuttavia, non si può ottenere per tutti gli edifici L'agevolazione, infatti, scatta nel momento in cui gli interventi di riqualificazione energetica riguardano edifici esistenti, a prescindere dalla categoria catastale, compresi quelli rurali e strumentali per l'attività d'impresa. Se invece si tratta di una porzione di condominio, allora l'ecobonus avrà un importo differente.

Si è deciso di rendere possibile questa detrazione per tutte quelle spese che sono state sostenute tra il 1° gennaio del 2017 e il 31 dicembre 2024, con la possibilità di far salire il bonus al 70-75% in caso di indici specifici di prestazione energetica. L'ammontare complessivo delle spese, inoltre, non può mai superare i 40mila euro, una cifra da moltiplicare per le unità immobiliari che fanno parte dell'edificio.

Come ottenere l'ecobonus

Per ottenere l'ecobonus non bisogna fare altro che indicare le spese sostenute per la riqualificazione energetica nella dichiarazione dei redditi. Un documento fondamentale di cui essere in possesso, poi, è l'asseverazione di un tecnico abilitato (una dichiarazione degli interventi posti in essere) oppure una dichiarazione del direttore dei lavori per dimostrare che i lavori sono stati conformi ai requisiti tecnici richiesti.

L'intervento deve essere conforme anche all'APE (Attestato di Prestazione Energetica). Entro 90 giorni dal termine dei lavori, all'ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) la scheda informativa degli interventi posti in essere, solamente in modalità telematica.

Chi accede all'ecobonus

Possono accedere all'ecobonus:

  • persone fisiche (anche gli esercenti delle arti e professioni);
  • contribuenti che percepiscono un reddito d'impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali);
  • associazioni tra professionisti;
  • enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

Tra le persone fisiche legate all'ecobonus rientrano le seguenti categorie:

  • titolari di un diritto reale sull'immobile;
  • condomini, per quel che riguarda gli interventi sulle parti comuni condominiali;
  • inquilini;
  • coloro che hanno l'immobile in comodato.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecobonus, detrazioni fiscali e requisiti per riceverlo: la guida completa

LivornoToday è in caricamento