rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Cronaca

Aamps, Rifiuti-Zero all'attacco del concorso per addetti allo spazzamento: "È una presa in giro"

Il coordinamento delle associazioni tuona contro la selezione della partecipata, nel mirino i punti assegnati a chi ha già lavorato a Livorno e la necessità o meno della prova pratica

"Quel bando pubblico rappresenta una presa in giro". Tuona il coordinamento delle associazioni Rifiuti-Zero contro l'avviso di selezione per addetti area di spazzamento e raccolta pubblicato da Aamps nei giorni scorsi e in scadenza il prossimo 20 marzo. Nel mirino ci sono i punteggi assegnati a coloro che hanno già lavorato a Livorno e la necessità o meno della prova pratica per chi ha raggiunto determinati punteggi. "Taglia fuori - spiegano da Rifiuti-Zero - tutti i candidati che non rientrano nel gruppo di coloro che vengono premiati da punteggi abnormi senza effettuare alcuna prova, dimostrando solamente di aver già lavorato a Livorno".

Inceneritore, Rifiuti-Zero: "Aamps ha già deciso, resterà aperto fino al 2027"

Scorrendo le specifiche del bando Rifiuti-Zero sottolinea che "Aamps concede 12 punti a chi ha spazzato le strade di Livorno per un anno, mentre a chi le ha spazzate per esempio a Pisa o Rosignano concede solo 3 punti". "Quattro volte meno. Inoltre - incalzano - incredibilmente, solo 1 punto per il possesso di patenti di guida e 2 punti al massimo per il possesso di titoli di studio o professionali. Nessuna prova d'esame orale o scritta. È prevista solo una prova pratica, per la quale sono previsti al massimo 24 punti. Ma attenzione: a chi dimostrerà di aver già spazzato le strade di Livorno (solo quelle di Livorno) per qualche mese, verranno assegnati automaticamente i 24 punti massimi...senza effettuare la prova pratica".

"Aamps torni sui propri passi e pubblichi un bando imparziale e oggettivo"

Per Rifiuti-Zero dunque il bando pubblicato da Aamps presenta "elementi di abnormità e irragionevolezza", e al contempo si pone una domanda: "Quando mai internalizzare un servizio, anziché essere conveniente per un'azienda pubblica sostenuta dalla Tari, risulta antieconomico per milioni e pur tuttavia si procede ugualmente nell'operazione?". Per le associazioni i criteri stabiliti dall'azienda per selezionare il personale sono "gravemente lesivi delle pari opportunità tra lavoratori e dell'interesse dei cittadini ad ottenere un servizio efficiente". "Secondo Aamps - sostiene Rifiuti-Zero - chi ha esperienza nello spazzamento stradale in un'altra città non sarebbe altrettanto bravo rispetto a chi ha esperienza a Livorno". 

Poi un appello all'amministratore unico, Raphael Rossi: "Non vorremmo che - hanno sottolineato - dopo aver fatto crollare la raccolta differenziata del 7% e dopo aver presentato una domanda di proroga per l'attività di incenerimento inquinante, l'azienda livornese guidata dal manager che a suo tempo accogliemmo speranzosi dovesse farci assistere anche a procedure concorsuali bizzarre ed a forte rischio di nullità."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aamps, Rifiuti-Zero all'attacco del concorso per addetti allo spazzamento: "È una presa in giro"

LivornoToday è in caricamento