rotate-mobile
Cronaca Centro

Venezia, fossi maleodoranti e acqua marrone. Cepparello: "Stiamo cercando di individuare le cause"

Rispetto al periodo del lockdown l'acqua è tornata ad essere di un colore preoccupante. Il Comune ha chiesto a Autorità Portuale e Arpat di effettuare delle verifiche

Dalla Venezia fino alla Fortezza Nuova, passando per la zona del mercato e piazza Cavour. L'acqua dei fossi, da sabato scorso, 5 marzo, è tornata marrone. E come se tutto ciò non bastasse in alcuni punti emana anche un odore davvero nauseabondo. Durante il periodo del lockdown c'era stata infatti la possibilità di rendersi conto quanto limpida e trasparente potesse essere, fino addirittura a poter vedere il fondale e, purtroppo, anche i tanti rifiuti tristemente lasciati a giacere. Ora invece colore e odore sono tornati ad essere sgradevoli. Un fenomeno che naturalmente non è passato inosservato a decine e decine di livornesi che si sono chiesti a che cosa fosse dovuto tutto ciò.

fossivenezia-2

Una foto di aprile 2020 dei fossi in Venezia 

Rivellino, il depuratore lascia la Venezia e 'trasloca' in via Enriques. Salvetti: "Momento storico per la città"

In molti hanno ipotizzato che le turbine dell'Autorità Portuale, installate nella zona del canale dei Navicelli all'altezza di via Salvatore Orlando, fossero spente, e quindi senza provocare quel flusso di corrente necessario. Dal Comune, attraverso l'assessore all'Ambiente, Giovanna Cepparello, spiegano che "sono in corso verifiche per capire se le turbine sono attive oppure no". "Il personale sta approfondendo la questione - ha aggiunto -. Abbiamo chiesto ai tecnici dell'Authority di verificare e in più abbiamo già contattato Arpat per capire da che cosa possa dipendere quel colore". Al momento, però, la situazione è ancora invariata. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venezia, fossi maleodoranti e acqua marrone. Cepparello: "Stiamo cercando di individuare le cause"

LivornoToday è in caricamento