rotate-mobile
Giovedì, 29 Settembre 2022
Cronaca Picchianti / Via Federigo Enriques

Choc al Picchianti, camionista in ospedale: "Mi hanno seguito, massacrato di botte e sfasciato l'auto". Indaga la polizia

L'uomo, un 39enne romeno, ha raccontato di essere stato vittima di una brutale aggressione in zona Picchianti

Un agguato scioccante che sa tanto di spedizione punitiva. Ammesso che corrisponda al vero la versione fornita alle forze dell'ordine e ai volontari che lo hanno assistito in prima battuta. Secondo la quale un camionista rumeno di 39 anni, effettivamente poi soccorso con il volto tumefatto ed ecchimosi in diverse parti del corpo, sarebbe stato seguito da un gruppo di persone e poi aggredito in un'area di sosta in via Enriques (zona Picchianti) nella tarda serata di venerdì 27 maggio. Pestato a sangue, forse anche con una spranga utilizzata poi per rovinargli l'auto.

Tutto, sempre stando al racconto del 39enne, sarebbe iniziato in un bar caffetteria della zona, in via Pian di Rota, dove la vittima, intorno alle 22, ha detto di aver incontrato un collega con il quale, tempo addietro, avrebbe avuto dei diverbi. Proprio per evitare situazioni compromettenti, il 39enne ha quindi raccontato di essersi allontanato verso la propria auto per spostarsi in via Eriques dove aveva parcheggiato il camion. Ed è lì che, raggiunto dal presunto collega-rivale e da un gruppo di amici di quest'ultimo, sarebbe avvenuta la brutale aggressione a calci, pugni e colpi di spranga o, comunque, con un oggetto contundente. Quindi, rimasto a terra sanguinante, la chiamata al 112 che ha inviato sul posto i volontari della Croce rossa e due pattuglie della polizia. Trasportato poi all'ospedale, spetterà adesso agli inquirenti ricostruire con esattezza quanto accaduto. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Choc al Picchianti, camionista in ospedale: "Mi hanno seguito, massacrato di botte e sfasciato l'auto". Indaga la polizia

LivornoToday è in caricamento