rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Cronaca

Aiuti per Gaza, partiti da Livorno due container con trenta tonnellate di materiale e alimenti raccolti da Flai e Cgil

Dopo esser stati depositati in un hub di La Spezia sono partiti dallo scalo labronico alla volta di Alessandria d'Egitto

Più di trenta tonnellate di generi di prima necessità, stoccati in due container, sono partiti da La Spezia per la striscia di Gaza. Si tratta di materiale sanitario, vestiario e alimenti, raccolti grazie all'impegno della Flai e di tutta la Cgil. Un magazzino della Caritas diocesana della Spezia, a Santo Stefano Magra, ha funzionato da hub logistico, una volta concluso il vaglio del materiale in accordo con la Mezzaluna rossa egiziana, i container sono stati trasportati al porto di Livorno e imbarcati alla volta di Alessandria d'Egitto. Proseguiranno in tir e dovranno superare 13 check-point, per poi arrivare alla porta di Rafah. Lì il materiale passerà di mano dalla Mezzaluna rossa egiziana a quella palestinese, e saranno le Ong che operano nella Striscia a provvedere alla distribuzione.

"Il popolo palestinese di Gaza, sottoposto a bombardamenti quotidiani, rischia di non essere massacrato solamente dalle bombe, ma anche a causa della fame, della sete e dell'assenza di medicinali – dichiara Matteo Bellegoni della Flai nazionale, presente a La Spezia durante il carico delle merci - C'è bisogno di gesti d'aiuto concreti, come quello che vogliamo dare con questi container, perché la solidarietà non si predica ma si pratica. La Flai sarà sempre a fianco del popolo palestinese e, più in generale, di tutti gli oppressi dalla logica guerrafondaia dell'imperialismo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aiuti per Gaza, partiti da Livorno due container con trenta tonnellate di materiale e alimenti raccolti da Flai e Cgil

LivornoToday è in caricamento