rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Cronaca

Allarme siccità, anche a Livorno vietato usare l'acqua potabile per scopi diversi da quelli igienico-domestici

L'ordinanza del sindaco Salvetti sarà in vigore fino al prossimo 30 settembre. Previste multe fino a 500 euro per i trasgressori

Razionalizzare l'uso dell'acqua potabile, servendosene soltanto per fini igienico-domestici. E non perché a imporlo, a partire da oggi e fino al prossimo 30 settembre, sia un'ordinanza del sindaco Luca Salvetti, che non sarà certo semplice far rispettare, ma soprattutto per senso di responsabilità riguardo a una situazione drammatica in tutto il Paese, ovvero l'allarme siccità. Anche a Livorno, dunque, "vietato usare impropriamente l'acqua potabile proveniente dagli acquedotti urbani e rurali, per scopi diversi da quelli igienico-domestici".

"Purtroppo - spiegano da Palazzo civico -, a causa del perdurare della siccità dovuta all'aumento delle temperature, alla scarsità delle precipitazioni e dell'aumento dei consumi dell'acqua potabile, si rende necessario e opportuno tutelare le riserve idropotabili a disposizione per l'approvvigionamento durante il periodo estivo".

Anche l'Autorità Idrica Toscana ha invitato le amministrazioni ad adottare per il periodo estivo una specifica ordinanza di divieto di tutti gli usi non essenziali dell'acqua proveniente dal pubblico acquedotto, accompagnati da un'adeguata attività di vigilanza e controllo. Controlli che, qualora portassero a individuare violazioni dell'ordinanza, porteranno a sanzioni amministrative da variabili da 100 a 500 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme siccità, anche a Livorno vietato usare l'acqua potabile per scopi diversi da quelli igienico-domestici

LivornoToday è in caricamento