rotate-mobile
Cronaca Fabbricotti / Viale Fabbricotti

Calci e pugni alla caserma dei carabinieri: arrestato 30enne

L'uomo, dopo essere stato denunciato una prima volta per resistenza e minacce a pubblico ufficiale, si è scagliato contro i militari dell'Arma e per lui sono scattate le manette

Un 30enne lucchese è stato arrestato dai carabinieri di Livorno per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio, oltraggio a pubblico ufficiale e danneggiamento. L'episodio è avvenuto nel pomeriggio del 26 giugno. L'uomo, prima di finire con le manette ai polsi, era stato denunciato sempre per resistenza e minacce a pubblico ufficiale, in quanto si era presentato, in evidente stato di alterazione, all'abitazione di una donna di circa 80 anni, bussando veementemente alla sua porta, senza una ragione specifica. In quell'occasione i carabinieri erano intervenuti in tempo e avevano condotto il 30enne in caserma prima che potesse arrecare danno a cose o persone.

Dopo essere stato stato rilasciato, tuttavia il lucchese ha dato nuovamente in escandescenza fuori dalla caserma di viale Fabbricotti, colpendo con calci e pugni la porta d'ingresso e i vetri blindati circostanti. Subito dopo ha tentato di avvalersi anche di una transenna ma i militari dell'Arma sono riusciti a bloccarlo. A quel punto, l'uomo ha iniziato a inveire minacciando sia i carabinieri che l'integrità della caserma tanto da costringere i civili presenti a uscire all'esterno. Il 30enne alla fine è stato arrestato e, dopo aver trascorso la notte in camera di sicurezza, lui è scattato il divieto di dimora nel comune di Livorno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calci e pugni alla caserma dei carabinieri: arrestato 30enne

LivornoToday è in caricamento